(ANSA/ANGELO CARCONI)
  • Italia
  • giovedì 26 settembre 2019

Lo sciopero dei trasporti oggi a Roma

Durerà soltanto due ore ed è stato proclamato per le aggressioni ricevute da alcuni autisti: le cose da sapere

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Giovedì 26 settembre ci sarà uno sciopero dei trasporti a Roma e nel Lazio, della durata di due ore, dalle 10 alle 12. Lo sciopero coinvolgerà i dipendenti di ATAC, Roma TPL (l’azienda dei trasporti privata che gestisce parte delle linee urbane della capitale) e Cotral (la compagnia dei trasporti della regione Lazio), ed è stato proclamato dopo vari casi di aggressione nei confronti di alcuni autisti per richiedere maggiore sicurezza.

In un comunicato, il sindacato USB (Unione Sindacale di Base) ha spiegato: «I lavoratori delle aziende COTRAL, ATAC, Roma TPL e Consorziate non possono diventare lo sfogo per i disagi che i cittadini vivono quotidianamente, per incuria delle istituzioni, per la completa assenza di interventi che migliorino la qualità della vita e della mobilità». Non sono previsti invece disagi per le linee ferroviarie gestite da Trenitalia.

L’ATAC non ha fatto sapere se le metro verranno chiuse durante le due ore di sciopero: ha comunicato che non è possibile fare previsioni di adesioni e quindi ha consigliato di scrivere agli account ufficiali dell’azienda per avere informazioni in tempo reale. In alternativa si può consultare lo stato delle linee del trasporto pubblico su questo sito del comune.

Per avere informazioni in tempo reale sulle linee gestite da Cotral si consiglia di andare sulla pagina dedicata del sito ufficiale, oppure di scrivere direttamente agli account ufficiali dell’azienda. Cotral ha comunicato che il precedente sciopero aveva avuto un’adesione del 47 per cento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.