(AP Photo/Ted S. Warren)

Amazon sta mettendo Alexa ovunque

Dalle prese della corrente agli occhiali, passando per gli anelli e i forni da cucina: tutte le novità presentate ieri nel suo evento su Echo

(AP Photo/Ted S. Warren)

Nel corso di un evento organizzato a Seattle (Washington, Stati Uniti) Amazon ha presentato numerosi nuovi prodotti della sua linea Echo, i dispositivi che utilizzano l’assistente personale Alexa per ottenere informazioni e controllare lampadine WiFi, termostati e altri oggetti per la casa collegati a Internet. La società di Jeff Bezos ha mostrato molte novità: alcune sono avveniristiche (o provano a esserlo), mentre altre sono l’evoluzione di prodotti già in circolazione e che sono stati aggiornati. Amazon ha l’obiettivo di diventare sempre più presente nelle case con Echo e Alexa, diventando il punto di riferimento per quanto riguarda gli assistenti per la casa, settore nel quale fa concorrenza soprattutto a Google.

Echo Studio
È il primo altoparlante per la casa di Amazon pensato per l’ascolto della musica ad alta fedeltà, quindi con una qualità superiore a quella che si ottiene con i classici Echo. Il nuovo dispositivo è pensato soprattutto per chi userà Amazon Music HD, la nuova variante del servizio per ascoltare musica in streaming offerto da Amazon, che comprende versioni lossless delle canzoni (cioè con una loro compressione senza perdita, come avviene invece con i normali file audio). Ha dimensioni un po’ più grandi degli altri Echo, per via della disposizione degli altoparlanti al suo interno, più potenti e orientati in diverse direzioni. Come fanno altri altoparlanti di questo livello, Echo Studio utilizza i suoi microfoni non solo per recepire i comandi vocali, ma anche per calibrare la riproduzione delle canzoni.
Echo Studio costa 199,99 euro e può essere già preordinato, in attesa della sua uscita il prossimo 7 novembre.

(AP Photo/Ted S. Warren)

Echo Show 8
È un nuovo dispositivo “intelligente” per la casa con schermo da 8 pollici, che si colloca a metà strada tra il classico Echo Show da 10,1 pollici e il più piccolo Echo Show 5. Lo schermo ha una definizione HD e il dispositivo ha una videocamera, che può essere oscurata fisicamente con un otturatore per chi preferisce non avere sorprese con la privacy. Come sugli altri modelli video, anche Echo Show 8 dà la possibilità di consultare il Web, utilizzare alcune applicazioni e avviare videochiamate, che ora possono essere di gruppo coinvolgendo tutti i membri della propria famiglia che possiedono un Echo.
Echo Show 8 sarà disponibile da fine novembre negli Stati Uniti al prezzo di 129,99 dollari, prezzo e data di uscita in Italia non sono ancora stati comunicati.

(Amazon)

Echo
La versione classica di Echo, l’altoparlante più conosciuto di Amazon, è arrivata alla terza generazione: offre una qualità dell’audio migliore, compresa una riproduzione più accurata e realistica dei bassi. Non ci sono molte altre novità rispetto ai modelli precedenti, salvo l’aggiunta di un colore e naturalmente una maggiore potenza del dispositivo.
Echo costa 99,99 euro, può già essere preordinato e sarà disponibile dal prossimo 16 ottobre.

(Amazon)

Echo Dot
Amazon ha presentato una nuova versione di Echo Dot, il suo altoparlante più piccolo per la casa, ora dotato di un orologio nella parte frontale. L’ora viene mostrata grazie a una serie di LED e per il resto il dispositivo ha un design tale e quale ai modelli sprovvisti di orologio. I LED possono mostrare l’ora, l’impostazione della sveglia, il conto alla rovescia quando si avvia un timer e la temperatura nella città in cui ci si trova. Ha anche un tasto per rinviare la sveglia di nove minuti, come una normale sveglia da tenere sul comodino.
Echo Dot con orologio costa 69,99 euro e può già essere preordinato, in attesa del suo arrivo il prossimo 16 ottobre. Amazon continuerà anche a vendere il classico Echo Dot, a 59,99 euro.

(AP Photo/Ted S. Warren)

Echo Flex
È forse la novità più interessante presentata da Amazon nella giornata di ieri. Echo Flex è una sorta di “spina intelligente” che contiene al suo interno un piccolo altoparlante e quindi la possibilità di sfruttare le funzionalità di Alexa. L’idea è di offrire un dispositivo che si possa inserire in una qualsiasi presa di casa, in modo da averne uno in ogni stanza e avere sempre la possibilità di inviare comandi vocali.

Nella parte inferiore di Echo Flex c’è una presa USB, che può essere utilizzata per collegare il proprio smartphone e ricaricarlo, oppure per aggiungere altri moduli al dispositivo. Per ora gli accessori presentati sono due: un sensore di movimento e una luce notturna. Amazon intende comunque rendere accessibile il dispositivo agli altri sviluppatori, che potranno quindi ideare altri moduli.
Echo Flex costa 29,99 euro e può essere preordinato, in attesa della sua uscita il prossimo 14 novembre.

(AP Photo/Ted S. Warren)

Echo Loop
Amazon ha anche presentato Echo Loop, un piccolo anello da indossare e che consente di avere Alexa a portata di mano. Il dispositivo si collega al proprio smartphone e può essere utilizzato per telefonare, portandosi l’anello all’orecchio. Per ora è un prodotto sperimentale, costa 129,99 dollari negli Stati Uniti e non è ancora chiaro quando e se sarà venduto fuori da un programma a inviti.

(AP Photo/Ted S. Warren)

Echo Frames
Sono un altro prodotto sperimentale: un paio di occhiali nella cui montatura è stato inserito un dispositivo per avere sempre Alexa a disposizione. L’idea è di poterla utilizzare per ottenere informazioni, comandare altri dispositivi e rispondere alle telefonate senza utilizzare direttamente lo smartphone. Anche gli Echo Frames sono sperimentali e saranno venduti all’interno di un programma a inviti, al prezzo di 179,99 dollari.

(Glenn CHAPMAN / AFP via LaPresse)

Echo Buds
Sono auricolari senza fili con funzionalità simili agli AirPods di Apple, ma un poco più economici. Sfruttano un sistema di cancellazione del rumore e, a seconda dello smartphone che si utilizza, possono interagire con altri assistenti vocali oltre ad Alexa, come Siri e l’Assistente Google.
Echo Buds costano 129,99 dollari e saranno disponibili da fine ottobre negli Stati Uniti, mentre non sono noti prezzo e data di vendita per l’Italia.

(AP Photo/Ted S. Warren)

Echo Glow
È una piccola lampada che può essere controllata tramite gli altri Echo. La luce, non molto intensa, è prodotta da alcuni LED e può essere di vari colori. Il dispositivo è stato pensato per illuminare le stanze dei bambini, oppure per accompagnare l’ascolto della musica tramite i dispositivi Echo con alcuni effetti luminosi. Echo Glow per ora è disponibile solo negli Stati Uniti al prezzo di 29,99 dollari.

(AP Photo/Ted S. Warren)

Eero
Amazon ha presentato una nuova versione di Eero, marchio che ha acquisito di recente e che produce dispositivi (router) per accedere a Internet e offrire una migliore copertura WiFi all’interno della propria casa. Una nuova rete può essere impostata in una decina di minuti e i dispositivi integrano al loro interno Alexa, per interagire più facilmente con l’assistente personale. Eero è modulare: si possono aggiungere più dispositivi a seconda delle necessità e della grandezza dello spazio in cui si vuole utilizzare il WiFi. Eero modello base costa 109 euro, mentre Eero con tre punti di accesso 279 euro.

Amazon Smart Oven
Lo scorso anno Amazon aveva presentato un microonde “intelligente”, che dava la possibilità di cucinare con l’aiuto di Alexa per quanto riguarda le ricette e i tempi di cottura. L’azienda ha presentato un nuovo forno, Amazon Smart Oven, che mette insieme un microonde e un forno tradizionale con diverse funzionalità. Per funzionare deve essere collegato a un Echo vero e proprio e costa 249,99 dollari negli Stati Uniti, mentre non è chiaro se e quando sarà venduto in Italia.

(AP Photo/Ted S. Warren)

Fetch
Amazon ha presentato Sidewalk, un nuovo sistema radio a bassa larghezza di banda che consente di collegare e tenere sotto controllo dispositivi a notevole distanza. La prima applicazione di questa nuova soluzione è Fetch, una sorta di tracker che può essere applicato al guinzaglio del proprio cane per tenerlo sotto controllo. Il sistema funziona fino a oltre un chilometro di distanza e secondo Amazon la copertura potrà essere estesa, man mano che altri utenti lo adotteranno. Per ora è disponibile solo negli Stati Uniti e in via sperimentale.

(Amazon)

Ring
Durante la presentazione a Seattle, Amazon ha anche presentato alcune novità legate a Ring, la sua azienda che si occupa di sistemi per la sicurezza della casa, e che ultimamente è finita al centro di diverse polemiche per una sua controversa app per la sorveglianza del vicinato. La novità più importante è una nuova versione della Ring Stick Up Cam, ora disponibile sia in una edizione a batteria sia in una alimentata da un pannello solare, per l’utilizzo nelle aree esterne. La videocamera serve per sorvegliare l’interno e il perimetro della casa: quando rileva un movimento, invia una notifica al proprio smartphone avvisando che sta succedendo qualcosa mentre non si è in casa.
Stick Up Cam Battery costa 99 euro, mentre la versione con pannello solare è venduta a un prezzo di 149 euro. La versione classica da collegare a una presa elettrica costa invece 99 euro. Tutti i modelli possono essere già preordinati e saranno disponibili dal 23 ottobre.

(Ring Amazon)

Alexa
Amazon ha inoltre lavorato su qualcosa di meno tangibile, ma comunque alla base di tutti i nuovi dispositivi: il suo assistente personale. L’azienda ha annunciato di avere migliorato la voce di Alexa, rendendola meno metallica e più naturale, in grado di rispondere alle richieste in più di una lingua. Nei prossimi mesi saranno inoltre aggiunte le voci di alcuni personaggi famosi, prodotte partendo dal loro timbro di voce e poi elaborate da un’intelligenza artificiale. Tra le prime voci disponibili ci sarà quella di Samuel L. Jackson.

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismiil Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi – che potrebbero variare di giorno in giorno rispetto a quelli indicati, in base alle offerte. Ma potete anche cercarli su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.