• Mondo
  • lunedì 23 settembre 2019

Angela Merkel ha annunciato la chiusura di tutte le centrali elettriche a carbone in Germania entro il 2038

Nel corso del suo intervento al vertice sul clima delle Nazioni Unite a New York, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha confermato che la Germania chiuderà tutte le sue centrali elettriche a carbone entro il 2038, dicendo di augurarsi di raggiungere ancora prima l’obiettivo, ritenuto da numerosi osservatori molto ambizioso. La notizia era stata anticipata domenica 22 settembre dalla ministra dell’Ambiente tedesca Svenja Schulze, con l’annuncio dell’ingresso della Germania nella Powering Past Coal Alliance, un gruppo di numerose organizzazioni e decine di governi del mondo creato allo scopo di ridurre e infine terminare la produzione di energia elettrica dalla combustione del carbone, attività altamente inquinante e tra le cause del riscaldamento globale. Il piano di Angela Merkel prevede investimenti per 54 miliardi di euro per ridurre del 55 per cento le emissioni di anidride carbonica in Germania entro il 2030, rispetto ai livelli del 1990.

La cancelliera tedesca Angela Merkel (Sean Gallup/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.