• Mondo
  • giovedì 19 settembre 2019

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si è detto pronto a formare un governo di unità nazionale con il centrista Benny Gantz

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto – dopo il risultato delle elezioni di martedì, in cui la sua coalizione ha ottenuto 55 seggi in Parlamento su 120, sei in meno di quelli necessari per governare – che è necessario formare un governo di unità nazionale e ha chiesto a Benny Gantz, il capo di Blu e Bianco, il principale partito centrista, di farlo insieme. In campagna elettorale Gantz era il principale avversario di Netanyahu, i cui governi si sono sempre basati sull’alleanza tra il suo Likud e alcuni più piccoli partiti di destra. Alle elezioni Blu e Bianco ha ottenuto 33 seggi.

Netanyahu ha detto: «Benny, ti sto chiedendo di incontrarci oggi, a qualsiasi ora, per portare avanti questo processo. Non possiamo fare tre elezioni in un anno, non ce n’è ragione, mi oppongo a questa idea». Ha anche detto di aver parlato con i capi dei partiti di destra e che pensa che il governo di unità nazionale debba essere «il più ampio possibile».

Benjamin Netanyahu a Tel Aviv, il 18 settembre 2019 (Ilia Yefimovich/picture-alliance/dpa/AP Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.