(J. Pfeiffer/picture-alliance/dpa/AP Images)
  • Mondo
  • venerdì 13 Settembre 2019

Il governo turco farà inondare un’antica città

Hasankeyf esiste da circa 12mila anni, ma con la costruzione di una diga presto verrà sommersa insieme a molti dei suoi monumenti

(J. Pfeiffer/picture-alliance/dpa/AP Images)

Hasankeyf è un’antica città turca che si trova nella provincia di Batman, nel sud-est del paese, e sorge lungo il fiume Tigri. La città, che si stima sia stata fondata circa 12mila anni fa, è nota per i suoi siti archeologici che comprendono anche migliaia di grotte scavate nella roccia risalenti al Neolitico. Insieme alle zone che la circondano, però, rischia di scomparire a causa di una diga che il governo turco sta costruendo lungo il corso del Tigri, nei pressi della città di Ilisu, a 40 chilometri da Hasankeyf. Il progetto della diga risale agli anni Cinquanta ma la costruzione è cominciata solo nel 2006. Una volta completata, la diga alimenterà una centrale idroelettrica in grado di fornire fino a 1.200 megawatt di potenza elettrica, ma avrà come conseguenza la scomparsa di Hasankeyf e delle aree circostanti.

La diga avrebbe dovuto essere operativa già nel 2016, ma la data era stata posticipata all’autunno del 2019. Ora il governo turco ha allertato gli abitanti della città e di altri 199 insediamenti della regione di lasciare le proprie abitazioni entro l’8 ottobre, un avvertimento che fa pensare che l’apertura della diga sia sempre più vicina. Si stima che in tutto le persone che dovranno evacuare la zona siano circa 80mila, e una volta che la diga sarà aperta la città di Hasankeyf verrà sommersa quasi completamente lasciando in superficie solo la cittadella, che si trova in altura. Il governo ha costruito una “nuova Hasankeyf” per 700 famiglie, a circa 3 km dalla vecchia città, dove gli abitanti si dovranno trasferire entro l’8 ottobre. Finora circa un quinto degli abitanti di Hasankeyf si sono trasferiti nella nuova città e il flusso continua ogni giorno.

(AP Photo/Burhan Ozbilici)

Hasankeyf, che attualmente è abitata soprattutto da persone di etnia curda, ha ospitato diverse culture nella sua lunga storia, facendo parte prima della Mesopotamia e poi dell’impero bizantino e di quello ottomano. Storici, archeologi e abitanti si oppongono da anni alla costruzione della diga, a causa dei danni che arrecherebbe al patrimonio culturale della zona: alcuni dei monumenti più preziosi, comunque, sono stati già prelevati da Hasankeyf e spostati di alcuni chilometri, in modo che non vengano sommersi dall’acqua.

Gli abitanti hanno anche cercato di far riconoscere la città come luogo protetto dall’UNESCO ma non ci sono riusciti, dato che dev’essere il ministro della Cultura a fare una tale richiesta. Intanto gli attivisti locali hanno annunciato per il 14 settembre una giornata di mobilitazione in tutto il mondo per la salvaguardia di Hasankeyf e hanno chiesto di appoggiare la loro causa usando su Twitter l’hashtag #SaveHasankeyf.