I procuratori generali del Texas e dello stato di New York indagheranno Google e Facebook per violazione delle norme antitrust

Un articolo del Wall Street Journal ha rivelato che i procuratori generali del Texas e dello stato di New York avvieranno due indagini separate nei confronti di Google e Facebook, accusando le due società di aver violato le norme sulla concorrenza. La procura generale di New York ha confermato la notizia.

L’indagine nei confronti di Google sarà aperta dal procuratore generale del Texas, il repubblicano Ken Paxton, e sarà sostenuta dai procuratori generali di decine di altri stati, secondo il Wall Street Journal. L’indagine nei confronti di Facebook, invece, sarà condotta dalla procuratrice di New York, la democratica Letitia James, e anche in questo caso si uniranno i procuratori generali di altri stati. Facebook non ha voluto commentare la notizia, mentre Google ha detto che collaborerà con gli investigatori.

A fine luglio anche il dipartimento di Giustizia (DOJ) degli Stati Uniti aveva annunciato l’avvio di un’indagine antitrust nei confronti delle grande aziende tecnologiche statunitensi, tra cui Facebook, Google e Amazon, con lo scopo di verificare se le società stiano limitando la concorrenza nel settore tecnologico, con eventuali violazioni legate alla loro posizione dominante sul mercato.

(Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.