(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Le foto di lunedì al Festival di Venezia

Timothée Chalamet, Joel Edgerton, Lily-Rose Depp e Julie Andrews, tra i più fotografati della giornata

(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Nel fine settimana al Festival di Venezia sono stati presentati quattro film in concorso (Ema di Pablo Larrain, The Laundromat di Steven Soderbergh, Wasp Network di Olivier Assayas e Joker di Todd Phillips, quello di cui si è più parlato). Ma a Venezia, ogni giorno, si parla di qualcosa di nuovo. Oggi, lunedì 2 settembre, tra i film in gara per vincere il Leone d’oro è stato il turno di No.7 Cherry Lane e del film italiano Martin Eden. Tra le persone più fotografate ci saranno molto probabilmente Timothée Chalamet e Joel Edgerton, che recitano nel film The King di David Michod, in cui il re del titolo è Enrico V.

Ma tornando ai film in concorso, No.7 Cherry Lane (il cui titolo originale è Ji yuan tai qi hao) è un film di animazione che parla di uno studente universitario di Hong Kong, delle sue relazioni e di una serie di turbolenti eventi politici che succedono nel frattempo. È certamente un film attuale, ma la storia che racconta è ambientata negli anni Sessanta. Il regista è Yonfan.

Martin Eden, diretto da Pietro Marcello (regista di Bella e perduta), è tratto da un omonimo romanzo di Jack London, è ambientato a Napoli anziché a San Francisco e il protagonista è interpretato da Luca Marinelli. Il regista ne ha detto: «Abbiamo immaginato il nostro Martin attraversare il Novecento, o meglio una ‘crasi’, una trasposizione trasognata del secolo, libera da coordinate temporali, ambientata non più nella California del romanzo ma in una Napoli che potrebbe essere una qualsiasi città portuale (non solo) d’Italia».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.