• Mondo
  • domenica 25 agosto 2019

Israele ha detto di aver colpito alcuni obiettivi iraniani in Siria, per prevenire un attacco

Israele ha confermato di aver colpito degli obiettivi militari iraniani in Siria, per prevenire un attacco che l’Iran stava organizzando per colpire il nord di Israele. La conferma dell’operazione, avvenuta sabato, è stata data dall’esercito e poco dopo ribadita dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu: da tempo si sa che Israele è attivo militarmente in Siria, ma raramente aveva confermato così apertamente degli attacchi.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto che l’operazione di sabato è stata diretta ad alcuni obiettivi legati alle forze Quds, un corpo speciale delle Guardie Rivoluzionarie iraniane, e che si è svolta ad Aqraba, vicino a Damasco. Secondo Israele l’attacco è stato necessario perché l’Iran stava preparando un attacco con dei droni per colpire obiettivi nel nord di Israele. L’esercito siriano ha confermato l’attacco, dicendo che la maggior parte dei missili lanciati da Israele erano stati intercettati, mentre l’esercito iraniano ha negato di aver subito l’attacco.

Benjamin Netanyahu, Tel Aviv, 10 aprile 2019 (Amir Levy/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.