(CNN Turchia)
  • Mondo
  • venerdì 23 agosto 2019

In Turchia si parla molto di un femminicidio

Un uomo ha ucciso l'ex moglie accoltellandola davanti alla figlia in un ristorante, e c'è un video della donna che grida «Non voglio morire»: la frase è ovunque su giornali e social network

(CNN Turchia)

In Turchia si sta parlando molto di un femminicidio avvenuto il 18 agosto nella città di Kirikkale, non lontano da Ankara. Il femminicidio è avvenuto in un ristorante del centro della città, dove un uomo di nome Fedai Baran ha pugnalato alla gola, uccidendola, la sua ex moglie, Emine Bulut, di 38 anni. Al momento dell’accoltellamento era presente anche la figlia della coppia, di 10 anni. Dopo aver ucciso la donna, l’uomo è uscito dal locale ed è scappato a bordo di un taxi, mentre la donna è stata portata in ospedale, dove è morta.

L’uomo è stato successivamente arrestato e ha motivato l’assassinio dicendo che l’ex moglie lo aveva “offeso” mentre i due stavano discutendo della custodia della figlia. Nei giorni successivi è circolato un video realizzato nel ristorante al momento dell’uccisione, in cui si sente la donna subito urlare «Non voglio morire» dopo essere stata accoltellata, mentre perdeva moltissimo sangue, e la figlia dirle «Mamma, ti prego non morire». La frase pronunciata dalla donna (in turco «Ölmek istemiyorum») è stata ripresa sui social network da molte persone, che l’hanno utilizzata per chiedere un intervento della politica per combattere la violenza degli uomini contro le donne.

In risposta ai tanti appelli degli ultimi giorni, il portavoce del presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha promesso che il governo si impegnerà per adottare misure più efficaci per contrastare i femminicidi e ha detto che il presidente «ha provato un profondo dolore per il brutale omicidio di Emine Bulut […] e ha esortato le autorità a prendere le misure necessarie per punire adeguatamentee l’assassino», invitando la stampa a non giustificare il gesto dell’uomo, come è stato fatto in passato in casi simili. In ricordo di Emine Bulut, inoltre, questa settimana si terrà un minuto di silenzio prima dell’inizio delle partite delle due più importanti leghe di calcio turche.

La homepage di CNN Turk, con molti articoli in grande evidenza sul femminicidio di Emine Bulut.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.