Si è concluso il primo incontro fra PD e M5S per cercare di formare un nuovo governo

E sembrano tutti abbastanza soddisfatti e ottimisti

Intorno alle 16 si è concluso il primo incontro fra dirigenti del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle per cercare di formare un nuovo governo, dopo la crisi avviata due settimane fa dalla Lega. Entrambe le delegazioni hanno fatto sapere che l’incontro è andato bene. Il capogruppo del PD alla Camera, Graziano Delrio, ha detto che c’è stata «ampia convergenza sui punti dell’agenda ambientale e sociale», mentre Repubblica attribuisce a Delrio e al vicesegretario Andrea Orlando la dichiarazione «Non c’è niente di insormontabile».

Fonti del M5S hanno confermato al Corriere della Sera che il clima dell’incontro è stato costruttivo, ma hanno fatto sapere che la riforma costituzionale che taglia il numero dei parlamentari – che il M5S ha messo in cima alle proprie priorità, e a cui il PD si è opposto fin dall’inizio – rimane «un punto fondamentale» per trovare un compromesso. Poco dopo la fine dell’incontro, Orlando, Delrio e il capogruppo al Senato Andrea Marcucci hanno diffuso una nota piuttosto conciliante sulla riforma: «Noi siamo sempre stati e rimaniamo a favore del taglio dei parlamentari. Siamo disponibili a votare la legge ma riteniamo che vada accompagnato da garanzie costituzionali e da regole sul funzionamento parlamentare».

Non è ancora chiaro dove e quando le due delegazioni si incontreranno di nuovo. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha concesso tempo fino a martedì 27 agosto per trovare una nuova maggioranza di governo.

(ANSA/CLAUDIO PERI)