(Drew Angerer/Getty Images)

I nuovi Galaxy Note 10 e Note 10+

Cosa fanno, come sono fatti e quanto costano i nuovi smartphone presentati a New York da Samsung

(Drew Angerer/Getty Images)

I nuovi Galaxy Note 10 e Note 10+ sono stati presentati da Samsung nel corso di un evento organizzato mercoledì 7 agosto a New York, negli Stati Uniti. I due smartphone sono i successori dei modelli presentati lo scorso anno, ma rispetto ai precedenti il Note 10 ha più cose in comune con i Galaxy S10 presentati alcuni mesi fa, mentre il Note 10+ mantiene la tradizione con uno schermo più grande.

Di solito i Note di Samsung sono tra gli smartphone più apprezzati dai professionisti, alla ricerca di una buona via di mezzo tra un computer portatile e un tablet per poter gestire impegni, documenti, email e presentazioni. Nel corso del tempo, comunque, Samsung ha lavorato per rendere i suoi Note interessanti anche a chi vuole uno smartphone da usare soprattutto per lo svago, restare in contatto con i propri amici e per scattare fotografie. I diretti concorrenti dei nuovi Note 10 sono quindi telefoni altrettanto potenti e presentati da qualche mese, come il P30 Pro di Huawei e il 7 Pro di OnePlus.

Per offrire qualcosa di diverso dalla concorrenza, Samsung questa volta si è concentrata sui dettagli, rivedendo sensibilmente il design dei Note 10 e Note 10+, utilizzando materiali di migliore qualità e offrendo alcune caratteristiche tipiche dei suoi smartphone, come la possibilità di utilizzare un piccolo stilo per scrivere sullo schermo, e inviare comandi di vario tipo allo smartphone.

Il Note 10 ha uno schermo da 6,3 pollici con una risoluzione da 2280 x 1080 pixel; la RAM è da 8 GB, mentre la capacità della memoria è di 256 GB, senza la possibilità di espanderla con una scheda esterna. Il Note 10+ ha invece uno schermo da 6,8 pollici con una risoluzione da 3040 x 1440 pixel, 12 GB di RAM e una memoria fino a 512 GB, che può essere a sua volta estesa utilizzando una scheda di memoria esterna. In entrambi i telefoni lo schermo è di tipo AMOLED, mentre il processore è della serie Snapdragon 855.

(Drew Angerer/Getty Images)

Il sistema delle fotocamere sui Note 10 è molto simile a quello impiegato sui Galaxy S10, e che ha ricevuto recensioni piuttosto positive. Sul retro del telefono ci sono una fotocamera da 16 megapixel con obiettivo grandangolare e la fotocamera principale da 12 megapixel. C’è poi una fotocamera, sempre da 12 megapixel, per scattare fotografie con uno zoom ottico.

La fotocamera frontale, quella per i selfie, è inserita nella parte superiore dello schermo, ma è meno invasiva rispetto a quella (già piuttosto piccola) dei Galaxy S10. Lo schermo non ha praticamente cornice ed è curvato sui lati del telefono, con una maggiore attenzione per le rifiniture rispetto ai Note precedenti.

(AP Photo/Mary Altaffer)

Come aveva già fatto per alcuni modelli negli anni scorsi, Samsung ha reso lo stilo (S Pen) a scomparsa: quando non è necessario può essere infilato all’interno del telefono. Lo stilo può essere utilizzato per disegnare sullo schermo o per prendere appunti, con un sistema di riconoscimento automatico delle scritte. Samsung ha inoltre aggiunto alcuni sensori alla sua S Pen, che può essere utilizzata come una sorta di bacchetta magica. Muovendola in aria si può controllare il proprio Note a distanza, per esempio per scattare fotografie, oppure per inviare comandi durante le presentazioni.

Samsung ha inoltre lavorato per migliorare molto Dex, l’opzione che consente di collegare il proprio Note a uno schermo e di avere una sorta di computer in miniatura a disposizione. Nella nuova versione, Dex può funzionare anche sui computer con Windows e macOS, semplificando la gestione e il trasferimento dei file tra i dispositivi. Samsung ha collaborato con Microsoft per far dialogar meglio i Note con Windows 10, altra funzione che potrebbe interessare i professionisti.

I nuovi Galaxy Note 10 e Galaxy Note 10+ possono essere giù ordinati online sul sito di Samsung o da altri fornitori (in questo caso il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi) e saranno in vendita a partire da fine agosto. Il Galaxy Note 10 nella versione base costa 979 euro, mentre il Galaxy Note 10+ parte da 1.129 euro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.