• Mondo
  • lunedì 5 agosto 2019

Una donna malata di cancro ha usufruito per la prima volta della dibattuta legge sul suicidio assistito nello stato di Victoria, in Australia

Una donna australiana malata terminale di cancro è stata la prima persona a usufruire di una legge che permette il suicidio assistito nello stato di Victoria, in Australia. In Australia il suicidio assistito è formalmente illegale a livello federale, ma i singoli stati hanno facoltà di adottare leggi diverse da quelle federali. Lo stato di Victoria ha adottato una legge sul suicidio assistito nel 2017, dopo un lunghissimo dibattito parlamentare da 100 ore, ma è entrata in vigore solo lo scorso giugno.

La donna si chiamava Kerry Robertson, e aveva 61 anni. A annunciarne la morte sono state le figlie tramite il sito dell’associazione di beneficienza Go Gentle Australia. La donna si era ammalata di cancro alla mammella nel 2010, ma la malattia si era poi allargata anche a ossa, polmoni, cervello e fegato. Robertson aveva deciso di usufruire della nuova legge lo scorso marzo, quando gli effetti collaterali della malattia e il dolore erano ormai diventati insopportabili, hanno raccontato le figlie. Ne aveva poi fatto richiesta a giugno, il giorno stesso in cui la legge sul suicidio assistito nello stato di Victoria era entrata in vigore. Da allora ci sono voluti 26 giorni perché la sua richiesta venisse accettata.

La legge sul suicidio assistito nello stato di Victoria consente ai malati terminali di fare richiesta per un farmaco che induca la morte. I richiedenti devono avere almeno 18 anni di età e una previsione di vita inferiore ai sei mesi. La legge ha numerose salvaguardie per assicurarsi che sia utilizzata solo dalle persone con gravi malattie e sintomi molto dolorosi. Ogni paziente deve fare richiesta a tre diversi medici, appositamente formati per affrontare questo tipo di situazioni. Ogni caso deve essere rivisto da una commissione e si deve inoltre verificare che la richiesta sia volontaria, da parte del paziente, e non frutto di una coercizione.

(Go Gentle Australia)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.