• Mondo
  • mercoledì 29 novembre 2017

Lo stato australiano di Victoria ha approvato una legge per il suicidio assistito

Victoria è diventato il primo stato dall’Australia a consentire il suicidio assistito. La nuova legge è stata approvata dopo 100 ore di dibattito parlamentare, comprese due sedute notturne. Il nuovo provvedimento consente ai malati terminali di fare richiesta per un farmaco che induca la morte, ma la procedura potrà essere seguita solo a partire da metà 2019. I richiedenti dovranno avere almeno 18 anni di età e una previsione di vita inferiore ai sei mesi. La legge ha numerose salvaguardie per assicurarsi che sia utilizzata solo dalle persone con gravi malattie e sintomi molto dolorosi. Ogni paziente dovrà fare richiesta a tre diversi medici, appositamente formati per affrontare questo tipo di situazioni. Ogni caso dovrà essere rivisto da una commissione e si dovrà inoltre verificare che la richiesta sia volontaria, da parte del paziente, e non frutto di una coercizione. In Australia il suicidio assistito è formalmente illegale a livello federale, ma i singoli stati hanno comunque facoltà di adottare leggi diverse da quelle federali.

(Scott Barbour/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.