• Politica
  • Questo articolo ha più di tre anni

Il Movimento 5 Stelle dice che i suoi iscritti hanno approvato il “mandato zero” e le altre novità proposte da Luigi Di Maio

Si sono concluse oggi le votazioni sulle riforme allo statuto del Movimento 5 Stelle proposte dal capo politico Luigi Di Maio. Con un post sul blog ufficiale, il Movimento ha annunciato che tutte le proposte – compresa la più nota, quella che riguardava il superamento del limite dei due mandati attraverso il “mandato zero” – sono state approvate. Secondo il partito hanno votato circa 25 mila iscritti alla piattaforma Rousseau, il sito internet su cui si svolge gran parte dell’attività degli iscritti al Movimento. In tutto, gli iscritti hanno votato su cinque proposte, esprimendo un totale di poco meno di 130 mila preferenze.

Secondo il Movimento 5 Stelle, gli iscritti a Rousseau hanno approvato l’introduzione del cosiddetto “mandato zero”, che permetterà ai consiglieri comunali e municipali di non contare il loro primo incarico nel limite di due mandati  per ciascun eletto fissato dallo statuto. Gli iscritti hanno anche autorizzato il capo del partito a sottoscrivere accordi con le liste civiche in occasione di elezioni locali e hanno approvato la costituzione di nuovi organismi a livello regionale e nazionale (il che porterà alla costruzione di una segreteria strutturata, al posto del gruppo che al momento aiuta in maniera informale il capo politico).