• Mondo
  • domenica 14 luglio 2019

La presidenza del Consiglio ha diffuso un comunicato per spiegare che Giuseppe Conte non conosce personalmente Gianluca Savoini

La presidenza del Consiglio ha diffuso un comunicato per spiegare che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte non conosce personalmente Gianluca Savoini, il collaboratore del vice presidente del Consiglio Matteo Salvini al centro del caso sui rapporti tra la Lega e la Russia. Il comunicato dice che «in merito alla presenza del sig. Gianluca Savoini alla cena che si è tenuta a Roma, a Villa Madama, la sera dello scorso 4 luglio, in onore del Presidente Putin, si precisa che, come già anticipato, il Presidente del Consiglio non conosce personalmente il sig. Savoini» e aggiunge che Savoini era stato invitato insieme a tutti i partecipanti al Forum di dialogo italo-russo che si era tenuto il pomeriggio dello stesso giorno al ministero degli Esteri.

Savoini è una delle persone al centro dell’inchiesta di Buzzfeed sui rapporti tra la Lega e la Russia. Buzzfeed ha raccontato di un incontro avvenuto a Mosca lo scorso ottobre durante la visita ufficiale del ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini: in quell’occasione Gianluca Savoini aveva trattato con alcuni russi un accordo illegale per far arrivare alla Lega 65 milioni di dollari con cui pagare la campagna elettorale in vista delle elezioni europee, nell’ambito di una compravendita di prodotti petroliferi.

Savoini è un ex giornalista con un passato nell’estrema destra, presidente dell’associazione Lombardia Russia, che è stato portavoce di Salvini e lo ha accompagnato nei suoi viaggi in Russia di questi anni. Negli ultimi giorni Salvini ha cercato di prendere le distanze da lui – dicendo che non aveva un ruolo ufficiale durante la sua visita in Russia e che non sapeva chi lo avesse invitato – ma sono state trovate prove consistenti per mostrare gli stretti rapporti tra i due.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.