• Mondo
  • giovedì 11 luglio 2019

C’è una piccola perdita radioattiva causata da un sottomarino russo inabissato 30 anni fa nel Mare di Norvegia

Una spedizione marina congiunta Norvegia-Russia ha rilevato una piccola perdita radioattiva dal sottomarino nucleare russo Komsomolec, affondato nel 1989 a sud-ovest dell’Isola degli Orsi, nel Mar Glaciale Artico tra Capo Nord e le isole Svalbard. Secondo i ricercatori, le radiazioni sono comunque molto contenute: sono pari a circa 100 Becquerel per litro, contro gli 0,001 per litro rilevati in altre aree del Mare di Norvegia. Le radiazioni non sono considerate pericolose per la fauna marina né per le persone. Il Komsomolec funzionava grazie a un singolo reattore nucleare e aveva due testate nucleari, tutti ancora presenti a bordo a una profondità di circa 1.700 metri. Nel suo inabissamento, dovuto a un incendio, morirono 42 dei 69 membri dell’equipaggio. Il livello di radiazioni più alto è stato rilevato in prossimità di alcuni condotti del relitto, dove i ricercatori si aspettavano di trovare qualche anomalia, considerata la storia del sottomarino e le sue condizioni.

(AP-PHOTO/bsp)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.