• Italia
  • giovedì 11 luglio 2019

È stato arrestato Gregorio Fogliani, titolare dell’azienda di buoni pasto Qui! Group

La Guardia di Finanza di Genova ha arrestato l’imprenditore Gregorio Fogliani, fondatore e titolare dell’azienda di buoni pasto Qui! Group. Oltre a lui sono stati arrestati l’amministratore delegato della società, Luigi Ferretto, e il consigliere delegato, Rodolfo Chiriaco. Sono stati invece disposti gli arresti domiciliari per la moglie e le due figlie di Fogliani.

L’inchiesta della Guardia di Finanza riguarda il fallimento della Qui! Group, avvenuto nel settembre del 2018 dopo che l’azienda aveva fatto richiesta per l’amministrazione straordinaria a causa dei 325 milioni di euro debiti accumulati con i gestori dei locali che accettavano i suoi buoni pasto. Fogliani e gli altri arrestati sono accusati a vario titolo di bancarotta fraudolenta, riciclaggio, autoriciclaggio e truffa aggravata. È stato inoltre effettuato un sequestro preventivo di case, conti correnti e altri beni mobili e immobili per un valore complessivo di 80 milioni di euro.

Qui! Group, che ha sede a Genova ma è presente in tutta Italia, era una grande azienda di buoni pasto: se ne era parlato molto dopo che nel 2016 aveva stipulato una convenzione con la Consip (la centrale acquisti per la pubblica amministrazione) per fornire buoni pasto ai dipendenti delle pubbliche amministrazioni di Piemonte, Liguria, Val d’Aosta, Lombardia e Lazio. I ritardi nei pagamenti verso i titolari dei locali che accettavano i buoni pasto avevano però costretto la Consip a interrompere la convenzione, sostituendo Qui! Group con la francese Sodexo «per reiterato, grave e rilevante inadempimento delle obbligazioni contrattuali».

(ANSA/FABIO CAMPANA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.