• Mondo
  • mercoledì 10 luglio 2019

In Libia il governo ha liberato 350 migranti dal centro bombardato la settimana scorsa

In Libia, nel pomeriggio di martedì 9 luglio, il governo di Fayez al Serraj ha liberato 350 migranti, trattenuti da giorni in un centro di detenzione di Tajoura, a una dozzina di chilometri a est di Tripoli. La zona era stata colpita la settimana scorsa da un bombardamento che il governo di Serraj aveva attribuito all’aviazione del maresciallo Khalifa Haftar, causando la morte di circa 50 persone. L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) ha confermato la notizia, aggiungendo che fornirà l’assistenza necessaria alle 350 persone liberate.

Soccorritori intorno al centro di detenzione per migranti di Tajoura, colpito nell'attacco (AP Photo/Hazem Ahmed)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.