La lira turca ha perso il 2% dopo la rimozione del capo della Banca centrale

La lira turca ha perso il 2% dopo la rimozione del capo della Banca centrale Murat Çetinkaya deciso sabato dal presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan. Il calo è stato il più deciso degli ultimi mesi ed è arrivato dopo che a maggio e giugno la lira turca aveva avuto una crescita costante.

Sabato, Erdoğan aveva costretto alle dimissioni Çetinkaya, sostituendolo con il suo vice. La decisione era stata annunciata senza fornire spiegazioni, portando a nuove preoccupazioni sul mantenimento dell’indipendenza della Banca centrale dal governo. Çetinkaya era presidente dell’istituzione dall’aprile del 2016, ma dallo scorso inverno godeva di una scarsa considerazione da parte di Erdoğan, che in più occasioni aveva chiesto che fossero abbassati i tassi d’interesse, convinto che in questo modo si sarebbe potuta contrastare meglio l’inflazione e favorire la crescita economica. Çetinkaya aveva invece sostenuto l’importanza di aumentare i tassi d’interesse per mantenere stabile l’economia, e aveva proceduto in tal senso nel settembre del 2018.

Recep Tayyip Erdoğan(Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.