Pamplona, Navarra, Spagna (Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)
  • Mondo
  • domenica 7 luglio 2019

Le foto della Festa di San Firmino a Pamplona

Quella coi tori, la gente che corre per strada davanti ai tori, i feriti dai tori e quelli che rimpiangono di aver corso davanti ai tori

Pamplona, Navarra, Spagna (Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

A Pamplona, città della Navarra, in Spagna, sono iniziati i festeggiamenti per San Firmino. La festa proseguirà fino al prossimo 14 luglio e, come ogni anno, sta registrando la partecipazione di migliaia di persone, tra abitanti della zona e turisti, arrivati per partecipare o solo osservare le corse davanti ai tori per le vie della città: il cosiddetto “encierro”.

Ogni mattina intorno alle otto, migliaia di persone corrono davanti ai tori lungo un percorso di circa 800 metri, che termina ai recinti dell’arena cittadina.

Il clima è di solito molto festoso, ma ogni anno decine di persone si feriscono, nella loro fuga dai tori.

Pamplona, Navarra, Spagna (Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

Alla fama internazionale della festa contribuì Ernest Hemingway, con il suo romanzo Fiesta.

Pamplona, Navarra, Spagna (Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

San Firmino inizia quando il sindaco si affaccia dal balcone del Municipio a mezzogiorno del 6 luglio, con una persona incaricata che pronuncia il tradizionale: “Pamploneses. Viva San Fermín, Gora San Fermín”, accendendo poi la miccia del “Chupinazo” (“razzo” in lingua basca), che dà ufficialmente il via ai festeggiamenti.

Pamplona, Navarra, Spagna (AP Photo/Alvaro Barrientos)

La Festa di San Firmino fu organizzata per la prima volta nel 1591, per festeggiare il santo con una grande fiera, che comprendeva corride e banchetti per due giorni.

Pamplona, Navarra, Spagna (Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

Nel tempo la festa si è arricchita di altri eventi, con musicisti, danzatori ambulanti, grandi sfilate e figure di cartapesta alte fino a quattro metri che rappresentano re, regine e consiglieri comunali.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.