• Mondo
  • mercoledì 26 Giugno 2019

Robert Mueller, l’ex procuratore speciale statunitense dell’inchiesta sul Russiagate, testimonierà al Congresso il 17 luglio

Robert Mueller, l’ex procuratore speciale statunitense che ha condotto l’inchiesta sul cosiddetto Russiagate, testimonierà in pubblico al Congresso il prossimo 17 luglio. Mueller, che ha 74 anni ed è uno stimato ex capo dell’FBI, negli ultimi due anni ha indagato sulle interferenze della Russia nella campagna elettorale statunitense del 2016, sui contatti tra il governo russo e il comitato elettorale di Donald Trump e sui tentativi del presidente Trump di ostacolare la giustizia. Il rapporto conclusivo della sua indagine aveva confermato gli attacchi della Russia, aveva trovato molti contatti tra i russi e il comitato Trump ma non abbastanza da poter parlare di collaborazione, e molti casi in cui il presidente Trump aveva tentato di ostacolare la giustizia tanto da non poterlo scagionare (ma nemmeno incriminare, perché è il presidente).

Mueller parlerà davanti ai membri riuniti delle commissioni Intelligence di Camera e Senato, che avevano fatto entrambe richiesta di una sua testimonianza benché siano una controllata dai Democratici e una dai Repubblicani. Un mese fa Mueller aveva ribadito che la sua inchiesta non si sarebbe potuta concludere in ogni caso con la richiesta di incriminare il presidente degli Stati Uniti, a prescindere dalle prove trovate o non trovate, perché secondo il Dipartimento della Giustizia un presidente in carica non può essere incriminato. Quello che potevano fare i procuratori era solo indagare sui fatti e poi decidere se scagionare o non scagionare il presidente Trump: la decisione, come è noto, è stata non scagionarlo. Di conseguenza solo il Congresso può decidere di chiedere conto al presidente Trump attraverso la procedura di impeachment. Trump ha scritto su Twitter, apparentemente in reazione alla notizia: «Molestie sul presidente!».

(SAUL LOEB/AFP/Getty Images)