• Italia
  • sabato 22 giugno 2019

Il nuovo sindaco leghista di Sassuolo ha fatto rimuovere lo striscione per Giulio Regeni dalla facciata del Comune

Il neoeletto sindaco di Sassuolo (Modena), il leghista Gian Francesco Menani, ha fatto rimuovere lo striscione giallo di Amnesty International con scritto “Verità per Giulio Regeni” che era esposto sulla facciata del palazzo del Comune. Menani ha detto: «Resta ferma la nostra solidarietà alla famiglia Regeni, ma non aveva più senso tenere ancora lì lo striscione. È una vicenda non più di attualità e tra l’altro in centro storico stava anche male, tutto impolverato». Lo striscione era stato esposto dalla precedente giunta di centrosinistra nel maggio 2016.

La decisione di Menani è arrivata due giorni dopo la rimozione dello stesso striscione dal palazzo della regione Friuli Venezia Giulia, per scelta del presidente della regione, il leghista Massimiliano Fedriga.

Giulio Regeni, ricercatore italiano dell’università di Cambridge, fu torturato e ucciso nel 2016 al Cairo, in Egitto, probabilmente dai servizi segreti egiziani. Era nato a Trieste e cresciuto in provincia di Udine.

A tre anni dalla scomparsa di Giulio Regeni

(ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.