• Italia
  • giovedì 20 giugno 2019

Lo striscione per Giulio Regeni esposto dal palazzo della regione Friuli Venezia Giulia è stato rimosso

«Per evitare le polemiche non lo esporremo più», ha detto il presidente leghista della regione

Lo striscione giallo di Amnesty International con scritto “Verità per Giulio Regeni” che era esposto a Trieste dal palazzo della regione Friuli Venezia Giulia è stato rimosso. Lo striscione era simile ad altri esposti in questi anni in molte città d’Italia, ma quello di Trieste aveva un’importanza particolare: Giulio Regeni, ricercatore italiano dell’università di Cambridge che fu torturato e ucciso nel 2016 al Cairo, in Egitto, probabilmente dai servizi segreti egiziani, era nato a Trieste e cresciuto in provincia di Udine.

Al posto dello striscione sono stati esposti degli addobbi per gli Europei di calcio Under 21. Il presidente della regione, il leghista Massimiliano Fedriga, ha detto che «per evitare le polemiche non lo esporremo più», e che «malgrado non condivida la politica degli striscioni e dei braccialetti, non ho fatto rimuovere lo striscione per più di un anno per non portare nell’agone politico la morte di un ragazzo». Lo striscione era stato esposto quando la regione era presieduta da Debora Serracchiani del Partito Democratico.

A tre anni dalla scomparsa di Giulio Regeni

Lo striscione per Giulio Regeni esposto dal palazzo della regione Friuli Venezia Giulia nel 2016. (ANSA)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.