Royal Ascot, 20 giugno (Peter Dench/Getty Images)
  • Sport
  • sabato 22 giugno 2019

Le gran foto del Royal Ascot

Reali britannici, cappelli e cavalli ma anche pizze, impermeabili e cannocchiali

Royal Ascot, 20 giugno (Peter Dench/Getty Images)

Martedì 18 giugno è iniziato il Royal Ascot, noto soprattutto per essere un tradizionale appuntamento dell’aristocrazia britannica e un’occasione per sfoggiare i soliti cappelli e cappellini, strambi come possono esserlo i cappelli a un tradizionale evento britannico che ha a che fare con l’ippica e l’aristocrazia.

Era l’agosto del 1711 quando la regina Anna decise di far organizzare la prima corsa all’Ascot Racecourse, poco distante dal castello di Windsor, e trecento anni dopo continua a essere una delle occasioni sociali più rilevanti per l’aristocrazia britannica e una delle più fotografate. Ogni anno, sempre la terza settimana di giugno, si tengono cinque giorni di corse di cavalli sulle quali è possibile scommettere e si vedono membri della famiglia reale – la regina Elisabetta, il principe William e la moglie Kate, ad esempio – ma anche persone più o meno comuni con binocoli in mano, a piedi nudi nel prato, che si mettono in mostra e vengono prontamente ritratti in gran foto sempre belle da sfogliare.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.