• Italia
  • domenica 16 giugno 2019

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, è indagata per concorso in peculato

La sindaca di Torino, Chiara Appendino del Movimento 5 Stelle, è indagata per concorso in peculato. Lo ha detto la stessa Appendino in un post su Facebook, in cui ha raccontato di aver ricevuto un avviso di garanzia. La storia si riferisce a una consulenza da 5.000 euro lordi che la Fondazione per il Libro di Torino – che organizza il Salone del Libro, la più importante manifestazione per l’editoria italiana – affidò al suo ex capo ufficio stampa, Luca Pasquaretta, successivamente indagato per estorsione, traffico di influenze illecite e turbativa d’asta, e accusato di aver minacciato proprio Appendino.

Appendino scrive di essere stata contraria a questa consulenza, che poi non fu svolta da Pasquaretta e che per questo ha portato all’accusa di peculato. «Nel mio caso», scrive Appendino, «si ipotizza il “concorso” nello stesso reato poiché, secondo i pm, la consulenza sarebbe stata affidata e pagata, cito testualmente, con il mio “accordo”».

Per trasparenza nei confronti dei cittadini vorrei rendere noto che ho ricevuto un avviso di garanzia con riferimento…

Gepostet von Chiara Appendino am Samstag, 15. Juni 2019

(ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.