(Albert Protopopov)

Questa testa di lupo ha almeno 30mila anni

È stata trovata quasi intatta nel permafrost in Siberia, e potrebbe offrirci molti indizi per scoprire cose sugli antenati dei lupi e dei cani dei giorni d'oggi

(Albert Protopopov)

La scoperta in Siberia della testa quasi totalmente intatta di un lupo vissuto almeno 30mila anni fa è stata da poco annunciata presso il Miraikan (Museo nazionale della scienza emergente e dell’innovazione) a Tokyo, in Giappone, nell’occasione dell’apertura di una mostra dedicata ai mammut e ad altri animali vissuti migliaia di anni fa. Lo studio del reperto, che comprende parti ben conservate dei tessuti molli compreso il cervello, potrebbe offrire nuove informazioni sulla storia evolutiva dei lupi e la loro successiva addomesticazione, che portò infine ai cani che conosciamo oggi.

La testa era stata scoperta nel 2018 nella zona di Abyjskij nella Russia siberiana orientale. Era rimasta per decine di migliaia di anni protetta nel permafrost, la parte del suolo che rimane perennemente ghiacciata. Un abitante della zona aveva notato qualcosa di strano nel terreno, in un punto dove il permafrost stava cedendo a causa delle temperature estive più alte del solito. I dettagli principali della scoperta, su cui ci sono alcune informazioni discordanti, sono stati forniti dal Siberian Times e stanno ora incuriosendo molto i ricercatori, anche in seguito all’annuncio fatto a Tokyo.

Finora non era mai stata ritrovata una testa così ben conservata appartenente a una specie antica di lupo. I ricercatori stimano che l’animale fosse morto quando aveva tra i 2 e i 4 anni, in circostanze ancora da chiarire. La testa è notevolmente più grande rispetto a quella dei lupi odierni: raggiunge una lunghezza di 40 centimetri circa, contro quella degli attuali lupi di 23-28 centimetri.

(Albert Protopopov)

Nel complesso, la testa è ben conservata: oltre al pelo, si sono preservati il naso, buona parte della pelle e le fauci. Anche il cervello si è conservato relativamente bene e una sua analisi potrebbe offrire qualche dettaglio in più sulle caratteristiche degli antenati dei cani odierni. I tessuti nelle cavità nasali potranno essere analizzati alla ricerca di informazioni sul modo in cui funzionava il fiuto di questi animali, per confrontarlo con quello dei lupi e dei cani moderni.

Molti giornali hanno dato la notizia sul ritrovamento parlando di una testa di lupo “risalente a 40mila anni fa”, ma la datazione non è ancora così certa e gli stessi ricercatori invitano a essere più cauti. Il sito Gizmodo ha consultato un paio di paleontologi coinvolti nei primi studi del reperto, ottenendo da loro una datazione di 30mila anni, in contraddizione con quella fornita sulla maggior parte dei siti e dei giornali che si sono finora occupati della notizia.

Il lupo visse nel tardo Pleistocene, il periodo compreso tra 2,6 milioni e 11.700 anni fa. Più nel particolare, percorreva i territori della Siberia nel Pleistocene superiore, più o meno nell’ultimo grande periodo glaciale. La sua fine, tra i 20mila e i 10mila anni fa, coincise con l’estinzione di diverse specie che si erano adattate a vivere in un clima molto freddo. La scomparsa degli antichi lupi fu determinata dal cambiamento del clima, ma probabilmente anche dalle attività degli esseri umani che sottrassero loro le prede con cui sopravvivevano.

La testa del lupo ricostruita al computer grazie a una tomografia assiale computerizzata (Albert Protopopov, Naoki Suzuki)

La testa potrebbe essere appartenuta a un esemplare di un gruppo di lupi di Beringia, che vivevano lungo la striscia di terra che un tempo metteva in comunicazione la Siberia con il Nordamerica. Questi lupi si spostavano in ampie porzioni di territorio, ma solo un’analisi del DNA del reperto potrà confermare la sua eventuale appartenenza a questo gruppo. L’analisi sarà condotta dal Museo di storia naturale svedese nei prossimi mesi. Un confronto con i lupi moderni dovrebbe fornire qualche indicazione sulle altre caratteristiche del lupo e sui suoi eventuali gradi di parentela con le specie che conosciamo oggi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.