• Mondo
  • venerdì 14 giugno 2019

Lo stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivi religiosi

Giovedì, il congresso dello stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivi religiosi, una misura considerata necessaria per contrastare l’epidemia di morbillo che si è sviluppata nello stato negli ultimi mesi. L’abolizione dell’esenzione è stata approvata da entrambe le camere del congresso di New York e, poco dopo, la nuova legge è stata firmata dal governatore dello stato, il Democratico Andrew Cuomo. Lo stato di New York è così diventato uno dei pochi a non garantire più esenzioni dalle vaccinazioni dei bambini per motivi religiosi, insieme a California, Arizona, West Virginia, Mississippi e Maine. L’attuale epidemia di morbillo negli Stati Uniti è arrivata in 28 stati con più di 1.000 casi confermati. Nello stato di New York, le indagini avevano stabilito che l’epidemia si fosse sviluppata nella comunità degli ebrei ultraortodossi, particolarmente isolata e ostile ai vaccini.

(David Greedy/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.