• Mondo
  • lunedì 10 giugno 2019

12 bambini orfani di jihadisti francesi dell’ISIS sono stati trasferiti dalla Siria alla Francia

Lunedì il ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, ha detto che 12 bambini rimasti orfani di genitori che si erano uniti allo Stato Islamico (o ISIS) in Siria sono stati riportati in Francia. I bambini, tutti con meno di 11 anni, erano rimasti per diverso tempo nei campi nel nord del paese messi in piedi dai curdi. Le Drian ha detto che erano «isolati e particolarmente vulnerabili» e ha aggiunto che alcuni erano in condizioni di salute precarie, malati o malnutriti. Il trasferimento ha riguardato anche due bambini olandesi, che sono stati consegnati dai curdi alle autorità dei Paesi Bassi.

Come molti altri paesi occidentali, anche la Francia non vuole far tornare dalla Siria quelle persone che negli ultimi anni si sono unite all’ISIS. A metà marzo il governo francese aveva accettato di riaccogliere cinque orfani e una bambina di tre anni la cui madre era stata condannata all’ergastolo in Iraq.

(Ahmet Sik/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.