• Mondo
  • domenica 9 giugno 2019

Sono state riaperte le frontiere tra Venezuela e Colombia

Sabato le frontiere tra Venezuela e Colombia sono state riaperte per la prima volta dopo quattro mesi e decine di migliaia di persone hanno attraversato il confine. Le frontiere erano state chiuse a febbraio per volere del presidente venezuelano Nicolás Maduro, che voleva bloccare gli aiuti umanitari provenienti dagli Stati Uniti e raccolti dal capo dell’opposizione venezuelana Juan Guaidó; da anni il paese sta attraversando una grave crisi economica e una conseguente carenza di beni di prima necessità. Secondo il ministero degli Esteri colombiano più di 30mila venezuelani sono entrati in Colombia sabato e quasi 37mila sono rientrati in Venezuela alla fine della giornata. Molte persone in questi mesi hanno attraversato il confine tra i due paesi illegalmente.

Dal 2015 più di 4 milioni di persone hanno lasciato il Venezuela, secondo le agenzie dell’ONU. Il mese scorso Maduro aveva fatto riaprire le frontiere del paese con il Brasile, che aveva chiuso a febbraio.

Cittadini venezuelani in fila a una frontiera con la Colombia, l'8 giugno 2019 (AP Photo/Ferley Ospina)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.