• Mondo
  • giovedì 21 febbraio 2019

Il Venezuela chiuderà le frontiere col Brasile

Lo ha annunciato Maduro in un discorso televisivo, spiegando di volere impedire l'ingresso di ulteriori aiuti umanitari mandati dagli Stati Uniti

(AP Photo/Rodrigo Abd)

In un discorso televisivo, il presidente del Venezuela Nicolás Maduro ha annunciato che chiuderà le frontiere tra il suo paese e il Brasile per via della disputa sugli aiuti umanitari destinati alla popolazione venezuelana, che negli ultimi mesi sta subendo gli effetti di una grave crisi economica e sociale in corso da anni.

Una coalizione di diversi paesi, fra cui gli Stati Uniti, da settimane spinge per inviare cibo e medicine alla popolazione, ma Maduro si è sempre opposto temendo che un’eventuale apertura porterebbe a ingerenze sempre maggiori. Nell’ultimo caso, il Brasile stava preparando aiuti da consegnare al confine venezuelano tramite le città brasiliane di Boa Vista e Pacaraima, ma Maduro si è opposto accusando nuovamente gli Stati Uniti di voler rovesciare il suo governo.

Maduro ha anche aggiunto che forse chiuderà anche le frontiere con la Colombia per impedire che le forze di opposizione e i loro sostenitori portino beni di prima necessità nel paese. Negli ultimi giorni il leader dell’opposizione Juan Guaidó sta guidando un convoglio di pullman e automobili che dalla capitale venezuelana di Caracas è diretto verso la Colombia allo scopo di raccogliere cibo e medicine.

Poco dopo l’annuncio, i media brasiliani hanno raccontato che moltissimi venezuelani sono entrati in Brasile attraverso la frontiera di Pacaraima per fare la spesa, temendo forse che in futuro non sarà più possibile.

In realtà la questione degli aiuti umanitari ruota attorno a ragioni politiche: il Venezuela non ha accettato gli aiuti dagli Stati Uniti e dai suoi alleati ma nei giorni scorsi ha accolto i carichi di medicine e attrezzature mediche arrivate dalla Russia, uno dei pochi paesi al mondo che ancora appoggiano apertamente il regime di Maduro.

Venerdì l’esercito venezuelano ha sparato contro alcuni civili che stavano cercando di lasciare aperta almeno una porzione del confine tra Brasile e Venezuela, uccidendone uno e ferendone almeno dodici.