La strada principale di Khartum bloccata dai manifestanti del sit-in contro i militari, attaccati, il 3 giugno 2019 (ASHRAF SHAZLY / AFP)
  • Mondo
  • lunedì 3 giugno 2019

L’esercito del Sudan sta attaccando il sit-in di protesta contro il governo a Khartum

Che va avanti da due mesi e chiede che il Consiglio militare lasci spazio ai civili

La strada principale di Khartum bloccata dai manifestanti del sit-in contro i militari, attaccati, il 3 giugno 2019 (ASHRAF SHAZLY / AFP)

Da questa mattina a Karthum, la capitale del Sudan, l’esercito sta attaccando un sit-in dei manifestanti istituito due mesi fa per chiedere il trasferimento del potere dai militari ai civili. In Sudan dall’aprile scorso, ovvero dal colpo di stato contro il presidente Omar al Bashir, il potere è controllato da un Consiglio militare. Durante gli ultimi colloqui con le opposizioni, il Consiglio aveva promesso di trasferire il controllo del governo ai civili, ma le due parti non avevano trovato un accordo sul come fare. Secondo il Central Committee of Sudanese Doctors, associazione di medici che collabora con i manifestanti, almeno 13 persone sono state uccise e decine di altre sono state ferite nell’attacco, che non è ancora terminato.

Per ora i resoconti di ciò che sta succedendo sono confusi. Alcuni testimoni hanno raccontato ad Al Jazeera che i militari sono armati pesantemente e hanno usato gas lacrimogeno contro i manifestanti. Sui social network stanno circolando diversi video in cui si sente il rumore di spari. Un manifestante, Mohammed Elmunir, ha detto che l’esercito ha bloccato le vie di fuga dalla zona del sit-in prima di cominciare a sparare e ha dato fuoco alle tende dei manifestanti. L’Associazione dei Professionisti del Sudan (SPA), una delle principali organizzazioni dietro al sit-in, ha invitato la popolazione a scendere in strada per protestare. I manifestanti del sit-in hanno eretto una barricata sulla strada principale di Khartoum per difendersi.

Il giornalista di BBC Benjamin Strick, specializzato nel verificare l’origine dei video diffusi su Twitter, ha condiviso alcune immagini dell’attacco dell’esercito ai manifestanti:

Il 15 maggio il Consiglio militare si era messo d’accordo con le forze politiche di opposizione per portare avanti un periodo di transizione di tre anni, dopo il quale la gestione del potere passerebbe totalmente in mano civile. Era stato deciso che nella fase attuale sarebbero stati formati organi condivisi: un consiglio di presidenza, un governo e un parlamento di 300 seggi, due terzi dei quali assegnati alle opposizioni che avevano appoggiato il colpo di stato.

Le difficoltà nel definire i dettagli dell’accordo hanno portato agli scontri di oggi. Diversi membri delle opposizioni temono che funzionari e militari rimasti leali a Bashir possano sabotare la transizione democratica del Sudan, che poggia su una collaborazione molto fragile fra civili e militari.

Un tweet dell’ambasciatore britannico in Sudan Irfan Siddiq che chiede in modo perentorio che gli spari che sente dalla sua residenza cessino:

Giovedì un portavoce del Consiglio militare aveva detto che il sit-in dei manifestanti a Khartum stava diventando una minaccia per la sicurezza del paese. Lo stesso giorno l’esercito aveva ordinato la chiusura degli uffici di Al Jazeera nel centro di Khartum senza dare spiegazioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.