• Mondo
  • sabato 1 giugno 2019

Sono scattati i nuovi dazi imposti dalla Cina sui prodotti statunitensi

In Cina dalla mezzanotte di sabato 1 giugno sono scattati i nuovi dazi imposti su beni di importazione statunitense, per un valore complessivo stimato pari a 60 miliardi di dollari all’anno (circa 53 miliardi di euro). I nuovi dazi erano stati annunciati lo scorso 13 maggio in risposta alla decisione degli Stati Uniti di alzare le proprie tariffe su una serie di beni di importazione cinese. Le tariffe su circa 5.140 prodotti statunitensi saliranno al 20 o 25 per cento dall’attuale 10 per cento. I nuovi dazi riguarderanno diversi generi alimentari, bevande alcoliche, elettrodomestici, prodotti di cosmesi, strumenti musicali e molti altri oggetti di uso quotidiano.

Il porto della città di Tsingtao, nella provincia di Shandong, in Cina (Chinatopix Via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.