• Mondo
  • venerdì 31 maggio 2019

Più di 750mila cittadini europei hanno richiesto il permesso di soggiorno per continuare a vivere nel Regno Unito anche dopo Brexit

L’Home Office, il ministero britannico che si occupa di affari interni e immigrazione, ha diffuso i dati relativi al piano introdotto alcuni mesi fa per concedere ai cittadini europei che vivono nel paese di continuare a farlo anche in seguito all’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea. Secondo l’Home Office da maggio più di 750mila dei 3,6 milioni di cittadini europei che vivono nel Regno Unito avrebbero richiesto di aderire al piano: la maggior parte di richieste di adesione è arrivata da cittadini polacchi (100mila), rumeni (90mila) e italiani (70mila).

Il piano prevede che i residenti nel paese da almeno cinque anni possano fare richiesta per il Settled status, il permesso di soggiorno definitivo, e continuare a godere di tutti i diritti a cui avevano accesso in precedenza, e che chi è nel paese da meno tempo possa fare richiesta per il pre-Settled status, un permesso temporaneo concesso in attesa di maturare i requisiti per ottenere quello permanente. Solo chi arriverà nel paese dopo l’effettiva uscita dell’Unione sarà sottoposto al nuovo regime migratorio che dovrà essere approvato dal Parlamento britannico.

(AP Photo/Frank Augstein, File)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.