• blog
  • mercoledì 29 maggio 2019

Come si chiama il fratello di Linus e Lucy

Nelle traduzioni storiche fu introdotto come "Ripresa", ma qui abbiamo deciso di restituirgli il nome più coerente con l'originale

Le prime storiche traduzioni italiane delle strisce dei Peanuts sono parte della letteratura dei Peanuts, come molte traduzioni di grandi opere straniere a cui si devono le versioni che conosciamo, spesso con grosse libertà e a volte aggiungendo qualità agli originali: le curò per il mensile Linus dal 1969 Franco Cavallone, col concorso del direttore Oreste del Buono, e necessitarono di molte invenzioni, dati i molti elementi fantasiosi del linguaggio e del mondo dei personaggi. Tra le libertà maggiori, quella che viene più citata è sempre quella del Grande Cocomero, che nell’originale americano è una Grande Zucca: ma ci furono molti termini tipici della cultura americana che richiesero adattamenti o trovate perché le battute e le storie fossero più comprensibili ai lettori italiani (l’orzata e le toffolette per la root beer e i marshmallow, per esempio).

Da quando il Post pubblica le strisce dei Peanuts si è posta spesso la questione di come comportarsi con alcune di queste scelte che oggi suonassero anacronistiche o meno motivate, ma che ormai fanno parte dei Peanuts come sono conosciuti in Italia: nel caso del Grande Cocomero, per esempio, siamo rimasti fedeli alla vecchia traduzione.
Con la striscia di oggi, invece, facciamo una scelta diversa. È nato il fratello di Linus e Lucy, quello che poi (spoiler!) vedremo quasi sempre sul seggiolino posteriore della bicicletta di sua madre. I vecchi fan dei Peanuts sanno che si chiama Ripresa: magari è perché nel 1972 (quando fu pubblicata la prima volta la striscia di arrivo di Ripresa) il concetto delle “repliche” televisive non era così familiare in Italia, ma l’originale “Rerun” si riferiva esattamente a questo, come mostra la striscia di oggi. L’idea che qualcosa venga riproposto, si ripeta uguale: che è un concetto diverso dal significato di “ripresa”. Così, malgrado Ripresa fosse un bel nome, al Post (come avevano fatto già altre traduzioni più tarde) abbiamo deciso di aderire a quello che rende la genesi del nome più coerente e comprensibile, e il nuovo personaggio si chiama Replica. Replica Van Pelt.

Di zucche e cocomeri
Filologia Peanuts

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.