I risultati delle elezioni europee in Italia

Sia quelli nazionali che quelli circoscrizione per circoscrizione, in ordine

Matteo Salvini, Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio, Roma 26 maggio 2019 (ANSA)

In Italia sono state scrutinate 61.572 sezioni su 61.576. La versione breve è che la Lega ha nettamente vinto le elezioni europee. Di seguito, tutti i risultati, in ordine.

Italia
Solo i partiti che hanno superato il 4 per cento partecipano alla ripartizione dei seggi
Lega – 34,33 per cento
Partito Democratico – 22,69 per cento
Movimento 5 Stelle – 17,07 per cento
Forza Italia – 8,79 per cento
Fratelli d’Italia – 6,46 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 3,09 per cento
Europa Verde – 2,29 per cento
La Sinistra – 1,74 per cento
Partito Comunista – 0,88 per cento
Partito Animalista – 0,60 per cento
SVP – 0,53 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,43 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,33 per cento
Popolari per l’Italia – 0,30 per cento
Partito Pirata – 0,23 per cento
Forza Nuova – 0,15 per cento
Autonomie per l’Europa – 0,07 per cento
PPA Movimento politico pensiero azione – 0,02 per cento

Estero (2.006 sezioni scrutinate su 2.355)
Partito Democratico – 31,44 per cento
Lega – 18,65 per cento
Movimento 5 Stelle – 14,51 per cento
Europa Verde – 9,78 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 8,45 per cento
Forza Italia – 5,95 per cento
La Sinistra – 4,00 per cento
Fratelli d’Italia – 2,51 per cento
Partito Comunista – 1,12 per cento
SVP – 0,81 per cento
Partito Animalista – 0,77 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,55 per cento
Popolari per l’Italia – 0,44 per cento
Partito Pirata – 0,40 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,35 per cento
Forza Nuova – 0,26 per cento
PPA Movimento politico pensiero azione – 0,02 per cento
Autonomie per l’Europa – 0,02 per cento

In complesso (Italia + Estero – Sezioni Italia: 61.572 sezioni scrutinate su 61.576; Comunicazioni UE: 2.006 sezioni scrutinate su 2.355)
Lega – 34,27 per cento
Partito Democratico – 22,73 per cento
Movimento 5 Stelle – 17,07 per cento
Forza Italia – 8,78 per cento
Fratelli d’Italia – 6,45 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 3,11 per cento
Europa Verde – 2,32 per cento
La Sinistra – 1,75 per cento
Partito Comunista – 0,88 per cento
Partito Animalista – 0,60 per cento
SVP – 0,53 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,43 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,33 per cento
Popolari per l’Italia – 0,30 per cento
Partito Pirata  0,23 per cento
Forza Nuova – 0,15 per cento
Autonomie per l’Europa  0,07 per cento
PPA Movimento politico pensiero azione – 0,02 per cento

Italia Nord-occidentale (15.985 sezioni scrutinate su 15.988)
Lega – 40,70 per cento
Partito Democratico – 23,45 per cento
Movimento 5 Stelle – 11,12 per cento
Forza Italia – 8,80 per cento
Fratelli d’Italia – 5,65 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 3,15 per cento
Europa Verde – 2,43 per cento
La Sinistra – 1,47 per cento
Partito Comunista – 0,82 per cento
Partito Animalista – 0,65 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,45 per cento
Popolari per l’Italia – 0,33 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,33 per cento
Partito Pirata – 0,25 per cento
Autonomie per l’Europa – 0,22 per cento
Forza Nuova – 0,17 per cento

Italia Nord-orientale (11.651 sezioni scrutinate su 11.652)
Lega – 41,01 per cento
Partito Democratico – 23,79 per cento
Movimento 5 Stelle – 10,30 per cento
Forza Italia – 5,83 per cento
Fratelli d’Italia – 5,74 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 3,45 per cento
Europa Verde – 3,15 per cento
SVP – 2,44 per cento
La Sinistra – 1,44 per cento
Partito Comunista – 0,78 per cento
Partito Animalista – 0,60 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,46 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,31 per cento
Partito Pirata – 0,25 per cento
Popolari per l’Italia – 0,20 per cento
Forza Nuova – 0,17 per cento
PPA Movimento politico pensiero azione – 0,09 per cento

Italia centrale (scrutinio terminato)
Lega – 33,45 per cento
Partito Democratico – 26,82 per cento
Movimento 5 Stelle – 15,95 per cento
Fratelli d’Italia – 6,98 per cento
Forza Italia – 6,25 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 2,99 per cento
La Sinistra – 2,22 per cento
Europa Verde – 2,14 per cento
Partito Comunista – 1,25 per cento
Partito animalista – 0,57 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,46 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,35 per cento
Partito Pirata – 0,23 per cento
Popolari per l’Italia – 0,21 per cento
Forza Nuova – 0,12 per cento

Italia meridionale (scrutinio terminato)
Movimento 5 Stelle – 29,16 per cento
Lega – 23,46 per cento
Partito Democratico – 17,85 per cento
Forza Italia – 12,28 per cento
Fratelli d’Italia – 7,56 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 3,14 per cento
La Sinistra – 2,02 per cento
Europa Verde – 1,68 per cento
Partito Comunista – 0,81 per cento
Partito Animalista – 0,60 per cento
Popolari per l’Italia – 0,47 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,39 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,27 per cento
Partito Pirata – 0,17 per cento
Forza Nuova – 0,15 per cento

Italia insulare (scrutinio terminato)
Movimento 5 Stelle – 29,85 per cento
Lega – 22,42 per cento
Partito Democratico – 18,48 per cento
Forza Italia – 14,77 per cento
Fratelli d’Italia – 7,28 per cento
+Europa-Italia in comune-PDE Italia – 1,94 per cento
La Sinistra – 1,64 per cento
Europa Verde – 1,27 per cento
Partito Comunista – 0,56 per cento
Popolo della Famiglia – Alternativa popolare – 0,53 per cento
Partito Animalista – 0,47 per cento
Casapound Italia – Destre unite – 0,25 per cento
Popolari per l’Italia – 0,23 per cento
Partito Pirata – 0,17 per cento
Forza Nuova – 0,12 per cento

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.