È scaduta la convenzione di Radio Radicale

Sono stati bocciati gli emendamenti per prorogarla, la radio andrà avanti senza fondi ancora qualche settimana

La commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha respinto i ricorsi sulla bocciatura degli emendamenti per prorogare la convenzione di Radio Radicale con il ministero dello Sviluppo economico, quella che permette all’emittente di trasmettere le sedute parlamentari. Radio Radicale rischia così di chiudere entro poche settimane, dopo circa 43 anni di servizio durante i quali ha trasmesso in diretta migliaia di sedute del Parlamento ed eventi istituzionali.

Nei giorni scorsi Vito Crimi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all’Editoria, aveva detto che il governo non avrebbe rinnovato la convenzione che ad oggi permette a Radio Radicale di sopravvivere. Mantenere la radio, il suo archivio e i dipendenti costa una decina di milioni di euro all’anno, e il Movimento 5 Stelle aveva detto più volte di ritenere quei fondi uno spreco di soldi pubblici.

Dopo settimane di polemiche, la Lega aveva presentato un emendamento al cosiddetto “decreto crescita” che prevedeva una proroga della concessione di altri sei mesi per una cifra totale di 3,5 milioni di euro. Martedì sera però tutti gli emendamenti presentati per prorogare la convenzione con Radio Radicale, sia quelli delle opposizione che quello della Lega, sono stati ritenuti inammissibili dalla commissione Bilancio. Per discuterli in Commissione serviva l’unanimità di tutti i gruppi, e sembra che il M5S non sia stato disponibile a darla.

Il direttore di Radio Radicale, Alessio Falconio, ha detto che senza la convenzione la radio non avrà più fondi per pagare ai lavoratori gli stipendi di giugno e per sostenere i costi di produzione: «allo stato attuale non potremo andare oltre un periodo di poche settimane», ha riferito Falconio.

Radio Radicale chiude martedì?

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.