Il declino dei Simpson

La serie animata più famosa e influente di sempre sta andando male come non era mai successo, ma la sua crisi è vecchia di vent'anni

Domenica scorsa l’ultimo episodio della 30esima stagione dei Simpson, la più famosa e influente serie animata della storia della televisione, ha fatto negli Stati Uniti gli ascolti più bassi di sempre: è stata vista da 1,44 milioni di persone, con un 3 per cento di share. Sono numeri infinitamente lontani da quelli delle prime stagioni, negli anni Novanta, quando gli spettatori medi erano circa 20 milioni: ma il declino è stato percepibile anche soltanto rispetto all’inizio dell’ultima stagione, lo scorso settembre.

Da molti anni si discute del calo di qualità e di popolarità dei Simpson, che quando andarono in onda per la prima volta nel 1989 rivoluzionarono la televisione americana, diventando uno dei prodotti culturali di massa più importanti del decennio. Da allora i Simpson sono diventati la sitcom più longeva della storia della televisione statunitense, con 662 episodi. Ma è opinione condivisa che oggi la serie non sia più la stessa, o forse è cambiato molto tutto il resto intorno.

Le prime otto stagioni dei Simpson sono considerate da praticamente tutti i critici come una delle cose più intelligenti e divertenti mai viste in televisione. La serie era nuova sotto moltissimi punti di vista, a partire dalla visione dissacrante della famiglia media americana, che per tutti gli anni Ottanta era stata ritratta in maniera piatta e idilliaca dalla televisione. I tre uomini principali dietro alla serie, il creatore Matt Groening e i produttori James L. Brooks e Sam Simon, costruirono un universo complesso e profondo di personaggi, ciascuno con una propria coerenza e una propria personalità, e tutti con delle credibili relazioni reciproche. Gli episodi, tutti autoconclusivi, avevano spesso sceneggiature imprevedibili e brillanti, e piene di battute che si prestavano spesso a più piani di lettura, molte delle quali vengono citate ancora oggi.

Leggi anche: 20 personaggi dei Simpson che forse non vedrete più

Molti identificano l’inizio del declino dei Simpson con un episodio preciso: il secondo della nona stagione, andato in onda il 28 settembre 1997 con il titolo di “Il direttore e il povero”. Se avete familiarità con la serie, è quello in cui si scopre che il direttore Skinner è in realtà un impostore che dopo la guerra in Vietnam assunse l’identità di un suo commilitone che credeva morto. Il problema non fu tanto l’episodio in sé, che è comunque ricco di momenti divertenti: secondo molti è simbolico di una tendenza che a partire dalla nona stagione diventò sempre più presente.

La profondità dei personaggi, che aveva reso la serie amatissima negli anni precedenti e che era stata sviluppata alternando ai momenti comici anche momenti più emotivi e malinconici, venne progressivamente meno. Chi ha provato a spiegare questo fenomeno, come il canale YouTube Super Eyepatch Wolf, fa l’esempio di Homer, che da padre di famiglia stupido e irascibile ma amorevole e insicuro, diventò sempre più piatto, definito dalla sua pigrizia e dalla sua impulsività più che dagli aspetti che lo avevano reso un personaggio così amato. Oppure di Lisa, originariamente idealista, generosa e compassionevole, diventata da un certo punto in poi più simile a un’adolescente interessata soltanto alle mode culturali.

Leggi anche: Cosa mangiavano i Simpson

Simpson, secondo molti, hanno perso la capacità di emozionare, oltre a quella di fare ridere: la serie avrebbe perso “il cuore”. Rivelare di punto in bianco che uno dei personaggi più riusciti e centrali della serie fosse in realtà un grande impostore è stato interpretato da molti come un esempio dell’allontanamento dei Simpson dalle origini. Tanto più che poi quella soluzione di trama non fu portata da nessuna parte, e il personaggio di Skinner rimase il solito dall’episodio successivo.

Ci fu anche un problema di storie: l’impressione fu che da un certo momento in poi finirono un po’ le idee, e le situazioni e le complicazioni al centro delle trame dei singoli episodi diventarono sempre più improbabili e pretestuosi. Questa critica venne già mossa all’epoca alla serie, tanto che gli stessi sceneggiatori dei Simpson ci scherzarono sopra in un episodio della 13esima stagione andato in onda nel 2002. Alla fine della puntata, che ruotava intorno a una serie di clip dalle precedenti stagioni, inserirono una canzone il cui testo sosteneva che «nessuno fermerà i Simpson, non abbiate paura, abbiamo storie per anni», e proponeva alcune idee che sembravano proprio una risposta alle critiche: «Forse Boe si prende un cellulare, Bart ha mai avuto un orso? E cosa ne dite di un matrimonio matto?».

Le cause di questo declino furono molte, in parte fisiologiche e in parte legate alle trasformazioni nello staff che produceva concretamente la serie. In molti hanno attribuito il calo di qualità alle naturali difficoltà di mantenere vivace e originale una serie i cui personaggi non invecchiano e non hanno sostanziali trasformazioni orizzontali. Erano cambiate poi le persone dietro ai Simpson: Simon aveva lasciato la serie nel 1993 per divergenze creative, Groening a partire dalla fine degli anni Novanta si dedicò ad altri progetti come Futurama, e Brooks era stato progressivamente meno coinvolto fin dal 1995. A partire dalla sesta stagione alcuni degli autori più importanti, come Conan O’Brian, lasciarono la serie.

Leggi anche: Il grande dibattito su una battuta dei Simpson di vent’anni fa

Un sintomo di questi cambiamenti è stato identificato da molti nel modo in cui la serie ha trattato le celebrità: inizialmente i Simpson contenevano spesso acute e irriverenti satire dei personaggi dello show business o della politica americana. Quando erano le stesse celebrità a essere ospitate nella serie come doppiatori, interpretavano spesso versioni molto autoironiche di se stessi, oppure personaggi nuovi e molto ben scritti: è molto citato per esempio l’episodio della seconda stagione in cui Dustin Hoffman interpretò un supplente nella scuola di Lisa. Con il passare degli anni, l’impressione è stata che le ospitate di celebrità siano diventate una soluzione un po’ pigra per costruire un episodio, oppure semplici celebrazioni dello show business americano.

Da allora, le cose non sono cambiate. Dall’inizio degli anni Duemila, gli ascolti dei Simpson sono stati in costante declino, mentre il giudizio della critica e del pubblico non è migliorato. La serie è stata comunque rinnovata per almeno altre due stagioni, ma lo scorso weekend è stata superata nell’audience dai Griffin e da Bob’s Burger: due serie animate che con ogni probabilità, senza i Simpson, non sarebbero mai esistite.

TAG:

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.