Cosa c’è ancora in ballo in “Game of Thrones”

Un punto della situazione in vista dell'ultimo episodio della serie: chi è rimasto dalla parte di chi? Cosa succederà tra quei due? E chi si siederà sul trono?

Nella notte tra domenica e lunedì andrà in onda l’ultimo episodio di Game of Thrones: l’ultimo nel senso che dopo non ce ne saranno altri, e che chiuderà una delle serie più seguite e discusse della storia della televisione. L’ultimo episodio, “Le campane”, ha sorpreso la maggior parte degli spettatori, e ha sostanzialmente eliminato un bel po’ di teorie sul finale che circolavano da anni. Ma il finale è comunque tutt’altro che deciso, e si possono fare un po’ di considerazioni e teorie su quello che succederà adesso. Per farle, ovviamente, da qui in avanti bisogna dirsi tanti spoiler, avvisati.


Chi è rimasto con chi
Quello della battaglia per conquistare Approdo del Re non è stato un giorno facile per gli spin doctor di Daenerys Targaryen: aver bruciato migliaia di persone e aver distrutto mezza capitale non sono un gran biglietto da visita per la donna che vuole governare Westeros. Daenerys sembra essere impazzita come suo padre Aerys II Targaryen, e come lui ha dato fuoco alla città: se già prima non andava molto a genio agli abitanti di Westeros, ora è diventata inevitabilmente la conquistatrice straniera arrivata dall’Est.

A occhio, l’unico personaggio di spicco rimasto dalla parte di Daenerys è Verme Grigio, e con lui l’esercito degli Immacolati e i Dothraki. Le facce di Jon Snow, Ser Davos e Tiryon mentre la loro regina planava sopra le città massacrandone gli abitanti fanno supporre che il momento in cui rivedranno Daenerys sarà piuttosto teso. Possiamo dare per scontato che Arya e Sansa saranno a loro volta furiose.


Chi salirà sul trono
Ora come ora, lo farà molto probabilmente Daenerys. Ma sembra difficile che possa mantenerlo, per il discorso del punto precedente. E quindi? Una teoria è che dopo quello che è successo il trono non lo voglia più nessuno, tanto meno Jon Snow: che quindi potrebbe decidere di distruggerlo una volta per tutte, inventandosi un modo perché i popoli di Westeros si governino da soli. Oppure potrebbe farsi convincere che è lui l’unico sano di mente in tutti i Sette Regni, e potrebbe decidersi infine a sedersi al posto che gli spetta di diritto.

Ci sono anche altre teorie, che però sembrano a questo punto un po’ improbabili: c’è chi pensa che abbiano ancora una chance Sansa o Bran Stark, ma ormai sembra troppo tardi per costruire un percorso sensato che porti i loro personaggi al trono. Molto bizzarra, ma se non altro un po’ più plausibile, è la teoria per cui alla fine ci finisca Gendry Baratheon: non sembra particolarmente interessato, ma se non altro darebbe un senso al grande minutaggio riservato al suo personaggio nell’ultima stagione.

E Drogon?
Un discorso a parte vale per Drogon: è difficile che volti le spalle a sua madre, né ci sono validi motivi per supporre che un drago abbia dilemmi etici di fronte a una città in fiamme. Ma è anche vero che Jon Snow è un Targaryen, e potrebbe avere qualche potere su di lui. Un altro dubbio è cosa succederà se Daenerys ordinerà al suo drago di bruciare Jon: obbedirà? E comunque Jon non dovrebbe uscire illeso dal fuoco, in quanto Targaryen? C’è anche chi prevede che Jon possa distruggere il trono proprio col fuoco di Drogon.

Daenerys sarà uccisa da Arya?
Il momento in cui Daenerys Targaryen poteva essere sconfitta politicamente sembra ormai passato da tempo: ora sono rimaste soltanto soluzioni drastiche, per i molti che non sono disposti a riconoscere il suo regno. Ci sono quindi buone premesse perché Daenerys sia uccisa: ma da chi? Una teoria molto popolare sostiene che sarà Arya Stark, in quanto assassina formidabile e anche in quanto piena di odio verso Daenerys, che ha bruciato mezza Approdo del Re comprese la madre e la figlia con cui aveva instaurato un breve ma intenso rapporto.

Questa teoria però ha anche altre basi: Lady Melisandre aveva infatti fatto una profezia ad Arya, dicendole che avrebbe chiuso «occhi marroni, occhi azzurri, occhi verdi». Di occhi marroni ne ha chiusi sicuramente molti (sicuramente quelli di Walder Frey), gli occhi azzurri sono evidentemente quelli del Re della Notte, mentre gli occhi verdi sembrava dovessero essere quelli di Cersei. Non è andata così, e tutti sono quindi andati a vedere di che colore ha gli occhi Daenerys: nel romanzo di George R.R. Martin sono viola, mentre l’attrice che la interpreta nella serie, Emilia Clarke, li ha di un azzurro che potrebbe anche essere spacciato per verde, in realtà. Potrebbe essere l’occasione per un’ultima dimostrazione dei “cambi di faccia” di Arya.


Jon Snow è il Principe che fu Promesso?
Breve ripasso: il Principe che fu Promesso è quello di cui ha blaterato per stagioni intere Lady Melisandre, e che aveva inizialmente identificato in Stannis Baratheon, prima di ripiegare su Jon Snow che riportò in vita proprio per questo. Melisandre era una sacerdotessa del Signore della Luce, venerato a Essos ma quasi sconosciuto a Westeros. Figura mitologica della religione è Azor Ahai, l’eroe leggendario che circa 8mila anni prima degli eventi della serie aveva messo fine alla Lunga Notte, sacrificando nell’impresa la sua amata.

Melisandre era convinta che Jon fosse la reincarnazione di Azor Ahai, che secondo la profezia avrebbe dovuto mettere nuovamente fine alle tenebre – cioè all’invasione degli Estranei – con la sua spada leggendaria. Alla fine non è stato Jon a uccidere il Re della Notte, ma magari la profezia si riferisce a un altro tipo di tenebre: e quindi sarà Jon a uccidere Daenerys, sacrificando come Azor Ahai la donna che ama in un momento catartico e perfetto per chiudere il cerchio.

Tyrion è un Targaryen
Questa teoria, molto amata dai fan incalliti, sembra in realtà ormai molto improbabile. Si basa sulla supposizione che Joanna, madre di Tyrion e moglie di Tywin Lannister, fu violentata dal re Folle, Aerys II Targaryen, che era da lungo tempo invaghito di lei. Joanna morì poi partorendo Tyrion. In molte occasioni, infatti, Tywin aveva parlato a Tyrion come se non fosse veramente suo figlio, ripetendoglielo anche in punto di morte. Ci sono poi altri piccoli indizi, come il fatto che a un certo punto riesca ad accarezzare un drago.

Difficilmente un capitolo così ampio sarà aperto nell’ultimissimo episodio, anche se questo darebbe a Tyrion la possibilità di rivendicare il trono. Perfino Peter Dinklage, l’attore che interpreta Tyrion, ha smentito questa teoria.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.