Una statua di Jeff Koons è l’opera di un artista vivente venduta alla cifra più alta di sempre

È stata comprata all'asta per 91,1 milioni di dollari: è un coniglio di acciaio del 1986

Un “Rabbit”, una statua d’acciaio a forma di coniglio, del 1986 dell’artista statunitense Jeff Koons è stato venduto all’asta da Christie’s a New York per 91,1 milioni di dollari, 81,3 milioni di euro. Si tratta dell’opera di un artista vivente più pagata di sempre: ha superato il record precedente del quadro Portrait of an Artist (Pool with Two Figures) dell’artista britannico David Hockney, acquistato nel novembre del 2018 a 90,3 milioni di dollari. La statua, alta 104 centimetri, è la seconda di un gruppo di tre realizzato da Koons nel 1986 ed è stata venduta con un rialzo di 20 milioni di dollari rispetto al prezzo di partenza fissato dalla casa d’aste. L’identità dell’acquirente non è stata resa nota.

Il record è arrivato a due giorni di distanza da quello segnato da un quadro della serie dei Covoni del pittore francese Claude Monet: è stato venduto all’asta da Sotheby’s, a New York, per 110,7 milioni di dollari (più di 98 milioni di euro), cosa mai successa per un’opera di Monet.

Il Rabbit by Jeff Koons all'asta, New York, 13 maggio 2019 (AP Photo/Seth Wenig)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.