• Cultura
  • mercoledì 15 maggio 2019

Un quadro di Claude Monet è stato venduto all’asta per più di 110 milioni di dollari, la cifra più alta per un dipinto del pittore francese

È il prezzo più alto mai raggiunto da un'opera d'arte impressionista

Martedì un quadro del pittore francese Claude Monet è stato venduto all’asta da Sotheby’s, a New York, per 110,7 milioni di dollari (più di 98 milioni di euro): non era mai successo che un’opera di Monet venisse venduta a queste cifre. L’opera in questione è uno dei dipinti della serie dei Covoni, che conta 25 quadri; Monet lo realizzò nel 1890. Nel 1986 era stato venduto all’asta per soli 2,5 milioni di dollari. Ora è tra i primi dieci dipinti venduti all’asta per prezzo, al nono posto: al primo posto c’è il Salvator Mundi di Leonardo da Vinci, venduto nel 2017 per 450 milioni di dollari. Lo comprò il principe saudita Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al Saud: è l’ultima opera di Leonardo che ancora appartiene a un privato.

Fino a martedì il quadro apparteneva alla stessa famiglia che lo aveva acquistato dal mercante d’arte di Monet: lo possedeva da quasi un secolo. Sotheby’s non ha detto chi abbia comprato l’opera. Prima di questo quadro, l’opera di Monet venduta al prezzo più alto era stata un dipinto della serie delle Ninfee: un anno fa era stato venduto per 84,7 milioni di dollari.

 

Il quadro della serie dei Covoni di Claude Monet venduto all'asta da Sotheby's il 14 maggio 2019, a New York (Courtesy Sotheby's via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.