Theresa May dice che il Parlamento britannico voterà di nuovo sull’accordo per Brexit all’inizio di giugno

La prima ministra britannica Theresa May ha fatto sapere che nella prima settimana di giugno ci sarà una nuova votazione del Parlamento sull’accordo per l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, a prescindere dall’appoggio o meno del Partito Laburista. Un portavoce di May ha spiegato che ripresentare l’accordo in Parlamento è «necessario» in modo che in caso di approvazione il Regno Unito possa uscire dall’UE prima della pausa estiva del Parlamento britannico (che solitamente inizia a metà luglio).

May e un pezzo del partito Conservatore stanno cercando da settimane di ottenere l’appoggio dei Laburisti per far approvare l’accordo, ma per ora le trattative non stanno andando bene. Entrambi i partiti sono divisi al loro interno fra sostenitori di Brexit e contrari, e nessuno dei due leader ha ancora trovato il modo di far quadrare il tutto. Difficilmente le cose miglioreranno nei giorni immediatamente precedenti e successivi alle elezioni europee, nei quali sia i Conservatori sia i Laburisti secondo i sondaggi perderanno molti consensi.

 

La prima ministra britannica Theresa May (Chris J Ratcliffe/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.