I candidati di estrema destra nelle liste dei Verdi

Li ha scoperti "il Foglio": Pippo Civati, che era candidato con Europa Verde, ha deciso di sospendere la campagna elettorale

(ANSA/MICHELA SUGLIA)

Sabato mattina, l’ex parlamentare e fondatore di Possibile Pippo Civati ha annunciato l’interruzione della sua campagna elettorale per le elezioni europee, dopo che era stata scoperta la presenza di candidati sostenuti dall’estrema destra tra quelli della sua lista, il movimento ambientalista Europa Verde. Civati ha scritto che i «valori costituzionali e l’antifascismo per me vengono prima di tutto» e che quindi sospenderà «ogni attività della campagna elettorale».

La notizia della vicinanza tra alcuni candidati di Europa Verde e l’estrema destra era stata data venerdì da un articolo di Luciano Capone sul Foglio. Capone aveva scritto che Europa Verde – un’alleanza tra Possibile e i Verdi – si era a sua volta alleata per le elezioni europee con «il movimento ambientalista di estrema destra “Fronte verde”, fondato e presieduto da Vincenzo Galizia: ex leader della sezione giovanile del Movimento sociale – Fiamma tricolore, ex dirigente del Mis di Pino Rauti e già alleato di Roberto Fiore (Forza nuova)».

Venerdì, con un comunicato, Europa Verde aveva smentito che ci fosse un’alleanza formale con Fronte verde, ma aveva ammesso di aver scoperto che due candidate nelle sue liste avevano ricevuto il sostegno di Fronte verde: Giuliana Farinaro, candidata nella circoscrizione Sud, ed Elvira Maria Vernengo, candidata nella circoscrizione Italia insulare. Nel comunicato si diceva anche che alle due candidate era stato chiesto di “dimettersi” e che erano “fuori dalla lista”: non è però chiaro da che posizione era stato loro chiesto di dimettersi, visto che erano solo candidate, e in che modo sarebbero state “fuori dalla lista”, visto che le liste non possono essere cambiate una volta presentate. Europa Verde ha comunque cancellato i nomi delle due dalle liste dei candidati pubblicate sul suo sito.

Sul suo blog, Civati ha scritto che dopo la pubblicazione dell’articolo di Capone aveva chiesto ai Verdi di chiarire la situazione, aggiungendo che però gli erano state date «risposte parziali e non chiare, sul motivo di questa presenza e sulla responsabilità di chi ha scelto di candidare queste figure». Per questo, ha scritto Civati, aveva deciso di ritirarsi dalla campagna elettorale «non potendo cancellare il mio nome dalla lista». Civati era probabilmente il candidato più noto di Europa Verde e la sua candidatura – che lui ha definito «di servizio» – aveva contribuito a far crescere Europa Verde nei sondaggi: secondo le ultime rilevazioni, la lista era però data intorno al 2 per cento, ancora lontana dal 4 per cento necessario per superare lo sbarramento previsto dalla legge elettorale per le europee.

Con un comunicato diffuso sabato pomeriggio, Farinaro e Vernengo hanno respinto le accuse di vicinanza a movimenti di estrema destra dicendo di essere «da sempre vicine alle idee e alle battaglie storicamente appartenute agli ecologisti e alla sinistra».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.