• Italia
  • giovedì 9 maggio 2019

La novità col fascismo del 2019

Non è uno stand a Torino, spiega Adriano Sofri sul Foglio, è il rapporto del governo con uno stand a Torino

Una manifestazione fascista a Milano (ANSA/DANIEL DAL ZENNARO)

Sul Foglio, Adriano Sofri ha spiegato quale sia secondo lui il vero problema dell’editore fascista al Salone del Libro di Torino, e quello di cui si dovrebbe discutere. Non tanto che esista un editore di libri fascista e non tanto che sia al Salone del Libro, ma i rapporti di vicinanza tra quell’editore fascista (e quello che gli sta dietro) e il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

C’è qualcosa che sfugge nella discussione sui fascismi, sfugge a me, o ad altri. Si raccomanda di non impiegare alla leggera la nozione, fuori dal suo contesto storico: giusto, troppo giusto. Si ricorda – lo fa uno storico autorevole come Emilio Gentile – che il neofascismo nell’Italia del Dopoguerra è sempre esistito, in particolare con un partito come l’Msi, dalla rilevante presenza parlamentare, la cui esistenza si concluse, o si mutò, con l’ingresso nel governo nazionale. Esistettero anche, altroché, formazioni extraparlamentari fasciste o francamente naziste il cui rapporto con membri e apparati del potere statale fu strettissimo, nel cui conto stanno le stragi e i colpi di stato tentati, fra ridicolo (i colpi di stato mancati sono sempre ridicoli) e istruttivo: istruttivo fu per esempio l’ingresso notturno al Viminale.

(Continua a leggere sul sito del Foglio)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.