Continuano le polemiche su Salone del libro e fascismo

Ora si è dimesso il giornalista Christian Raimo, membro del Comitato editoriale del Salone

(ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

Da giorni vanno avanti le polemiche sulla presenza al Salone del libro di Torino (che si svolgerà dal 9 al 13 maggio) della casa editrice Altaforte, vicina a Casapound, e del suo libro Io sono Matteo Salvini. Intervista allo specchio, un libro-intervista al ministro dell’Interno Matteo Salvini. Le polemiche sembravano essersi concluse sabato, dopo un post su Facebook del Comitato di indirizzo del Salone, che era stato chiamato in causa da un precedente post del direttore Nicola Lagioia. Lagioia aveva spiegato la distanza da posizioni fasciste del Comitato editoriale del Salone, aveva assicurato che Salvini non avrebbe presentato il suo libro e aveva invitato i politici a non strumentalizzare l’evento.

Sabato però Christian Raimo, giornalista, insegnante e membro del Comitato editoriale, ha scritto in un post su Facebook, poi cancellato, che – come riporta il Corriere – «Nell’ultimo anno le cose sono cambiate. I neofascisti si stanno organizzando. (…) Matteo Salvini è dichiaratamente organico a quel mondo, e non a caso pubblica la sua intervista con Altaforte»; e anche che «le idee neofasciste, sovraniste sono la base per l’ideologia della forza maggioritaria di governo». Raimo ha anche accusato alcuni giornalisti, scrivendo che «tutti i giorni in tv, sui giornali, con i loro libri sostengono un razzismo esplicito e formano think tank organici con il governo», nominando Alessandro Giuli, ex condirettore del «Foglio» e direttore di Tempi; Francesco Borgonovo, vicedirettore di La Verità; Adriano Scianca, responsabile culturale di CasaPound Italia; e l’editore Francesco Giubilei. Il post di Raimo ha provocato ulteriori proteste, tra cui l’intervento di Lucia Borgonzoni, sottosegretaria leghista ai Beni culturali, che ha parlato di «lista di proscrizione».

Alla fine Raimo si è dimesso spiegando, sempre su Facebook, che si trattava di un’opinione strettamente personale e di non voler danneggiare il Salone.

Oggi ho scritto questo comunicato scarno per tutelare il Salone del libro.Sono triste ma è il tempo a essere triste. Ho…

Gepostet von Christian Raimo am Samstag, 4. Mai 2019

Lo ha difeso in una nota Lagioia, che ha infine invitato a chiudere le polemiche e concentrarsi sugli eventi del Salone.

Un'altra nota sul Salone del LibroLe dimissioni di Christian Raimo mi addolorano. Il contributo che ha dato al Salone…

Gepostet von Nicola Lagioia am Samstag, 4. Mai 2019

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.