• Sport
  • domenica 5 maggio 2019

Marc Marquez ha vinto il Gran Premio di Spagna di MotoGP

Nella gara di casa ha preceduto Alex Rins della Suzuki e Maverick Viñales della Yamaha, per Dovizioso e Rossi un quarto e un sesto posto

Marc Marquez durante il Gran Premio di Spagna (Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Marc Marquez ha vinto il Gran Premio di Spagna di MotoGP, corso domenica pomeriggio sul circuito di Jerez de la Frontera, in Andalusia. Il pilota spagnolo della Honda, campione del mondo in carica da tre anni, ha concluso la gara davanti ad Alex Rins della Suzuki e a Maverick Viñales della Yamaha. Andrea Dovizioso della Ducati si è piazzato invece in quarta posizione davanti al compagno di squadra Danilo Petrucci, mentre Valentino Rossi è arrivato sesto. La classifica finale è stata condizionata dal ritiro del francese Fabio Quartararo, rientrato ai box per un guasto alla moto dopo essere partito dalla pole position, e dalla caduta dell’australiano Jack Miller nei giri finali.

L’ordine di arrivo del Gran Premio di Spagna:

  1. Marquez (Honda)
  2. Rins (Suzuki)
  3. Viñales (Yamaha)
  4. Dovizioso (Yamaha)
  5. Petrucci (Ducati)
  6. Rossi (Yamaha)
  7. Morbidelli (Yamaha)
  8. Crutchlow (Honda)
  9. Nakagami (Honda)
  10. Bradl (Honda)
  11. Espargaro (KTM)
  12. Lorenzo (Ducati)
  13. Espargaro (Aprilia)
  14. Zarco (KTM)
  15. Rabat (Ducati)
  16. Abraham (Ducati)
  17. Smith (Aprilia)
  18. Oliveira (KTM)
  19. Syahrin (KTM)

Per Marquez è la seconda vittoria nelle prime quattro gare del Motomondiale, che in Spagna ha corso il primo Gran Premio europeo della stagione. Grazie alla vittoria, Marquez ha superato Dovizioso in testa alla classifica piloti.

La classifica dei piloti dopo quattro gare:

  1. Marquez (Honda) 70
  2. Rins (Suzuki) 69
  3. Dovizioso (Ducati) 67
  4. Rossi (Yamaha) 61
  5. Petrucci (Ducati) 41
  6. Viñales (Yamaha) 30
  7. Miller (Ducati) 29
  8. Nakagami (Honda) 29
  9. Crutchlow (Honda) 27
  10. Morbidelli (Yamaha) 25

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.