Una donna e sua figlia su una spiaggia di Sydney, in Australia (Brook Mitchell/Getty Images)
  • giovedì 2 maggio 2019

Regali per madri

18 idee per fare un regalo per la festa della mamma: dalla crema al pistacchio, al ricettario vegetariano, alle cuffie insonorizzanti per avere quei cinque minuti di pace

Una donna e sua figlia su una spiaggia di Sydney, in Australia (Brook Mitchell/Getty Images)

Il 12 maggio sarà la Festa della mamma, che si festeggia ogni anno, in gran parte del mondo, la seconda domenica di maggio. Mancano quindi circa dieci giorni al giorno in cui, come minimo, dovrete ricordarvi di fare degli auguri (e fatela, una telefonata).
Se quest’anno poi siete proprio in vena di una particolare forma di gratitudine filiale, o avete qualcosa da farvi perdonare, potete anche pensare a un regalo. Per chi è a corto di idee, il Post ne ha messe insieme diciotto. Vanno bene per madri di varie età e possono funzionare anche se conoscete una madre e avete voglia di farle un regalo, senza necessariamente essere i suoi figli.

Un diffusore di profumo di lusso
Ad alcune madri, come a tanti altri esseri umani con un olfatto sensibile, piace che la loro casa sia molto profumata. I diffusori di profumo Jo Malone hanno profumi ricercati e particolari, durano tantissimo tempo, ma sono decisamente più costosi della media dei profumatori per ambienti, quindi forse la madre per cui cercate un regalo rinuncerebbe a comprarlo per sé. Ed è qui che intervenite voi. Su Sephora trovate quattro diversi profumi tra cui scegliere. Costano 75 euro.

Un telo da mare femminista
Alle madri che fanno lavori creativi potreste regalare il telo da mare che riproduce una famosa opera ironica del collettivo artistico femminista Guerrilla Girls sui “vantaggi di essere un’artista donna”. Bisogna sapere l’inglese, ma si capisce bene di cosa parla. Su Yoox costa 26 euro.

Un succulento ricettario vegetariano
Yotam Ottolenghi è un famoso chef israelo-inglese. Plenty More è un suo libro che raccoglie più di 150 ricette vegetariane – buone, garantisce il desk Food del Post – organizzate per metodi di cottura. Per madri vegetariane, per genitrici disorientate di figli da poco vegetariani (così possono provare le ricette insieme a loro) e per chi vuole sperimentare cibi un po’ diversi. La versione italiana costa circa 30 euro, ed è anche bella la copertina.

Un libro onesto sulla maternità
Puoi dire addio al sonno è un libro di Rachel Cusk pubblicato nel 2009 da Mondadori. Contiene paragrafi come: «Per essere una madre devo ignorare le chiamate, lasciare il lavoro a metà, non rispettare gli impegni presi. Per essere me stessa devo lasciar piangere mia figlia, anticipare le sue poppate, abbandonarla per uscire la sera, dimenticarla per pensare ad altre cose. Avere successo nell’essere l’una significa fallire nell’essere l’altra». Regalatelo a una madre a cui volete dire che lo capite, quanto è difficile. Su Amazon costa 8 euro.

Una borsa a rete
La scorsa estate negli Stati Uniti – ma anche dalle nostre parti, se ci avete fatto caso – andavano di moda le borse per la spesa a rete, nel senso che molte persone le usavano non per metterci la spesa ma per andarci in giro, ad esempio in spiaggia: la tendenza si è consolidata quando lo stilista georgiano Demna Gvasalia ne ha messa una nella collezione primavera-estate 2018 di Vetements, dopo che per un po’ di tempo si erano viste sui profili Instagram di alcune influencer francesi. E insomma potete regalarne una sia perché è di moda, sia perché aiuta a essere “ecosostenibili”: impiegandola come borsa della spesa si evitano le borse usa e getta dei supermercati. Su Amazon potete comprarne tre a 17 euro, ma se ne volete una meno “da spesa”, su Asos ne trovate una più graziosa a 18 euro.

Caraffe e piatti belli da guardare
Formafantasma è il nome di uno studio di design fondato nei Paesi Bassi da due designer italiani. Per Yoox Formafantasma ha fatto Pigmento, una linea di piatti e caraffe di vetro con una sfumatura di colori pastello. Sono belli da usare ma anche da guardare, se avete una madre con senso pratico ed estetico. I prezzi variano in base al pezzo: le caraffe costano 99 euro, il piatto più piccolo 63 euro, il contenitore con il coperchio 89 euro.

Una lampada LED per mettersi lo smalto gel a casa
Alle madri che amano lo smalto gel (quello semipermanente), ma non hanno mai il tempo di andare dall’estetista per farselo mettere, potete regalare la lampada LED per farlo a casa. Per chi non sa di che cosa parliamo: è una lampada che serve per asciugare lo smalto gel “cuocendolo”. È questa procedura che lo rende più resistente dello smalto normale. Per chi sa di che cosa parliamo: costa circa 20 euro, su Amazon.
Se volete fare le cose per bene, potreste aggiungere alla lampada questi affari che ne facilitano la rimozione, per il momento in cui vorrà cambiare colore.

Un libro per far ridere le madri di figli che non si addormentano mai
Adam Mansbach è uno scrittore americano e ha una figlia, Vivien. Quando Vivien aveva due anni, ci volevano due ore di preparativi, riti e letture prima che si addormentasse. Una sera, esasperato ed esausto dopo ore passate a cercare di farla dormire, Mansbach scrisse su Facebook: «Look out for my forthcoming children’s book, Go the fuck to Sleep» (suona più o meno: «Presto in libreria il mio prossimo libro per bambini: Fai ‘sta cazzo di nanna»). I suoi amici, molto divertiti, ci credettero, quindi Mansbach decise di scrivere il libro per davvero. È stato tradotto anche in italiano, proprio con quel titolo lì. Occhio: sembra un libro della buonanotte per bambini, ma è decisamente per adulti. La versione originale in inglese costa 12 euro, quella in italiano costa 11 euro. Bonus: qui c’è Samuel L. Jackson che lo legge ad alta voce.

Il nuovo libro di Elena Ferrante
Per le madri che sono grandi fan di Elena Ferrante, il regalo migliore è il suo nuovo libro, che esce l’8 maggio: si chiama L’invenzione occasionale, ed è una raccolta degli articoli scritti da Ferrante nel 2018 per una rubrica sul Guardian. Non è un romanzo, ma è qualcosa che un’appassionata può apprezzare. Costa 18 euro, ma su IBS si trova a circa 15.

Un affare per automassaggiarsi schiena e collo
Per le madri che stanno parecchio al computer e hanno spesso indolenzimenti a collo e schiena, ma non possono contare sulla collaborazione di nessuno (come al solito!) per farseli passare, questo attrezzo per trattarsi da sola i punti di contrattura può essere un buon regalo. Se guardate uno dei video che spiegano come funziona, smetterà subito di avere un aspetto minaccioso. Costa circa 30 euro.

Una buona crema al pistacchio
Perché sì. Su Amazon quella di Scyavuru si trova a circa 7 euro, e se la preferite allo stesso prezzo c’è anche la versione crunchy, cioè quella che contiene frammenti di pistacchio croccanti. Ripetiamo: frammenti di pistacchio croccanti.

Scarpe brutte ma comode (non sono davvero brutte, comunque)
A volte il regalo migliore non è quello più originale, ma quello più utile. Nella redazione del Post ci sono grandi fan delle ciabatte di Birkenstock e quindi vi proponiamo quelle. Sono comodissime e resistenti, e ormai di moda da anni. Se pensate che siano brutte è solo perché non sapete come stanno bene con un abito da gran cerimonia. Non avete visto Frances McDormand agli Oscar? Il modello che vi consigliamo è proprio quello che indossava lei (anche se non proprio la costosissima versione fatta in collaborazione con Valentino), le ubique Arizona. Costano tra i 60 e i 90 euro (il prezzo fluttua in base al colore e al materiale). Se vi piacciono gialle, sappiate che c’è anche il modello di gomma, a circa 35 euro.

E se sapete che le Birkenstock proprio non verrebbero apprezzate, provate con le ciabatte pelose di Ducie. Approvate dalla mamma di una redattrice del Post.

Copritastiera 
Per rimanere nel campionato dei regali utili, un copritastiera lavabile è un buon regalo per le madri che prestano il computer ai loro figli e poi si ritrovano la tastiera piena di briciole o piccole ditate di unto. Su Amazon se ne trovano diversi: i prezzi variano in base al modello di computer e al materiale. Quello compatibile con il MacBook Air da 13 pollici, ad esempio, costa 8 euro.

Cuffie fonoassorbenti
Le cuffie noise-cancelling, che riducono il rumore proveniente dall’esterno, sono molto indicate per chi passa molto tempo in ambienti rumorosi come metropolitana o open space e per chi vuole un momento di quiete ma ha un figlio adolescente che sbatte le porte e ascolta Sferaebbasta a un volume aggressivo. La redazione del Post è molto fan delle Bose QuietComfort 35 II: costano 294 euro, ok, ma ne sarà valsa la pena. Altrimenti ci sono sempre i tappi per le orecchie pensati per chi si esercita al poligono di tiro, e anche un’iscrizione a Storytel può aiutare.

Un tracker Bluetooth
I tracker sono piccoli oggetti da attaccare a una cosa che non dovete assolutamente perdere: le chiavi ad esempio. Quando non le trovate più, attraverso un’app per smartphone potete far suonare il tracker e ritrovarle (in sostanza potete chiamare le chiavi come fate col telefono quando non sapete più dov’è) oppure controllare sull’app la loro ultima posizione. Ce ne sono diversi modelli, con diversi prezzi, tra i 20 e i 30 euro, più o meno: qui ne avevamo confrontati sei. Un buon regalo per quelle madri che di recente hanno ritrovato le chiavi della macchina sotto una pila di pupazzi di peluche o dentro il guanto di Thanos.

Una federa di pura seta
Se la madre di cui parliamo usa abitualmente prodotti per la pelle prima di andare a dormire, regalarle una federa in seta le permetterebbe di assicurarsi che quei preziosi sieri e creme restino sulla sua faccia, invece di finire spalmati sul cuscino: le federe di seta, infatti, assorbono molto meno di quelle di cotone. Inoltre, essendo più lisce, fanno meno attrito e aiutano a svegliarsi con i capelli meno crespi e meno annodati. E poi sono molto morbide e piacevoli al tatto, che non guasta. Su Amazon ce ne sono diversi modelli: quella di pura seta da entrambi i lati da 22 momme costa 30 euro, ma ce ne sono anche di più economiche, da meno momme. Certo, bisogna prima imparare che cosa vuol dire momme.

Il memoir di Michelle Obama, se non ce l’hanno già
Becoming, l’autobiografia di Michelle Obama, è uscita lo scorso il 13 novembre, ed è interessante per capire tutto quello che è stata Michelle Obama prima di prendere quel cognome, ma anche per capire come si trasforma la vita di una persona che fa parte della famiglia del presidente degli Stati Uniti. Costa 21 euro.

Se sanno l’inglese
Lo scorso 2 aprile è uscito Why Don’t You Write My Eulogy Now So I Can Correct It?: A Mother’s suggestion (cioè «Perché non scrivi adesso il discorso che farai al mio funerale così posso correggertelo? Consigli di una madre»). È un libro di Patricia Marx, collaboratrice di lunga data del New Yorker, che ha raccolto tutti i “consigli” più divertenti che sua madre le ha dato nel corso della sua vita. Contiene per esempio: «If you feel guilty about throwing away leftovers, put them in the back of your refrigerator for five days and then throw them out» (“Se non vuoi buttar via gli avanzi perché ti senti in colpa, mettili in frigo, aspetta cinque giorni e poi buttali”). Le illustrazioni sono di Roz Chast, famosissima vignettista del New Yorker. Su Amazon costa 19 euro.

Infine, se non avete trovato nulla che andasse bene in questa lista, date un’occhiata alla lista dell’anno scorso:

Regali per madri, per la loro festa

***

Disclaimer: su alcuni dei siti linkati il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi – che potrebbero variare di giorno in giorno rispetto a quelli indicati, in base alle offerte. Ma potete anche cercarli su Google.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.