(ANSA/ MASSIMO PERCOSSI)

«Loro sono oltre il medioevo»

È così che la ministra della Salute Giulia Grillo ha parlato della Lega e delle sue posizioni sui diritti civili, in un'intervista al Corriere

(ANSA/ MASSIMO PERCOSSI)

In un’intervista data al Corriere della Sera, la ministra della Salute Giulia Grillo ha duramente attaccato la Lega per le sue posizioni sui diritti civili.

Non ci potrà mai e poi mai essere un accordo con la Lega se mettono in discussione l’aborto e pensano che la donna nell’interrompere la gravidanza commetta un omicidio. Non possiamo essere d’accordo con chi pensa che gli omosessuali vadano bruciati come in epoca medievale. Noi in questa epoca medievale non ci riconosciamo. Loro sono oltre il medioevo.

Le critiche di Grillo sono le ultime dopo settimane di forti polemiche tra Lega e Movimento 5 Stelle. Le relazioni tra le due forze di maggioranza sono considerate al punto più basso di sempre e molti dubitano che il governo sarà ancora in piedi dopo le elezioni europee del prossimo 26 maggio.

Di recente i temi di scontro tra le due forze politiche sono stati i diritti civili e il lavoro, sui quali il Movimento 5 Stelle ha assunto sempre più spesso posizioni di sinistra e progressiste, mentre la Lega ha continuato a collocarsi su posizioni più conservatrici, come è avvenuto ad esempio in occasione del Congresso delle famiglie.

Nell’intervista al Corriere, Grillo dice però che ci sono anche temi di “buon senso” su cui le due forze sono ancora d’accordo, come ad esempio la gestione dell’immigrazione: la ministra ha detto infatti di voler prendere le distanze dalla politica precedente definita “buonista”, e di sperare che il governo riesca ad aumentare il numero di espulsioni di migranti irregolari (anche sull’immigrazione, però, le due forze di maggioranza hanno avuto scontri piuttosto duri).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.