Che ne è del “salva-Roma”?

Salvini dice che la misura che sta facendo litigare il governo è stata esclusa dal decreto crescita, ma sembra che il M5S la pensi diversamente

(ANSA/ANGELO CARCONI)

Dopo giorni di scontri, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha detto martedì sera ai giornalisti che la norma “salva-Roma”, che dovrebbe trasferire allo Stato parte dell’enorme debito accumulato dal comune di Roma, è stata esclusa dal “decreto crescita”, la misura più ampia in cui si diceva sarebbe stata inserita.

La situazione però non è ancora del tutto chiara: Salvini lo ha detto prima del Consiglio dei ministri in programma stasera in cui il governo avrebbe dovuto decidere il destino della norma. Alla riunione però non sono presenti molti ministri del Movimento 5 Stelle (il vice presidente del Consiglio Luigi Di Maio, che inizialmente sembrava assente, si è poi presentato): Salvini ha detto che l’esclusione del decreto è stata concordata con chi è presente alla riunione. Ma dopo l’annuncio, i giornali hanno scritto che varie fonti governative del M5S hanno smentito le dichiarazioni di Salvini, sostenendo che il “salva-Roma” è ancora lì. È probabile che si dovrà aspettare almeno la fine del Consiglio dei ministri per capire meglio.

L’ipotesi circolata martedì era che il “salva-Roma” potesse essere trasformato in un “salva-tutti”, cioè un decreto che fa la stessa cosa con tutti i comuni italiani in dissesto. Non è chiaro se questa sia ancora un’ipotesi, ma Salvini martedì sera ha parlato di «un provvedimento ad hoc per tutti i comuni», senza spiegare meglio come funzionerà.

Sul tema si era sviluppato l’ennesimo bisticcio tra Lega e M5S, le due forze di governo. Era stata soprattutto la Lega ad alzare il livello dello scontro e a trasformare il salva-Roma in un caso politico dopo che la norma era stata approvata 20 giorni fa, per poi sparire senza essere pubblicata ufficialmente. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini, in particolare, ha attaccato Roma e la sua sindaca, Virginia Raggi, per tutta la settimana e lunedì aveva detto:

«A Roma mi sembra che c’è un sindaco che non ha il controllo della città, dei conti, della pulizia, delle strade, delle case, quindi regali non ne facciamo, la Lega non ne fa. Non ci sono comuni di serie A e comuni di serie B, se in tanti hanno dei problemi aiutiamo quelli che hanno dei problemi, non ci sono comuni più belli o più brutti»

A inasprire i toni dello scontro aveva contribuito l’inchiesta che riguarda il sottosegretario Armando Siri, il consigliere economico di Salvini indagato per corruzione. Il Movimento 5 Stelle ha attaccato duramente il sottosegretario e ne ha chiesto le dimissioni. Salvini lo ha difeso e la Lega ha risposto chiedendo le dimissioni di Raggi da sindaco di Roma, sfruttando in particolare l’inchiesta del settimanale l’Espresso che ha rivelato una registrazione in cui la sindaca parla di Roma come di una città “fuori controllo” e fa pressione su un manager dell’azienda cittadina che si occupa di rifiuti.

Il risultato di queste tensioni è che negli ultimi giorni la Lega aveva minacciato di non far passare il salva-Roma se non sarà cambiato in modo da aiutare anche altri comuni in dissesto o a rischio dissesto, come Catania e Alessandria. La norma agisce sulla gestione commissariale del debito di Roma, una struttura a cui nel 2010 furono conferiti tutti i debiti del comune e che viene finanziata ogni anno con 200 milioni di euro del comune e 300 provenienti dalla fiscalità generale.

Il salva-Roma prevede di chiudere la gestione commissariale nei prossimi anni e di conferire tutto il debito commerciale (quello che riguarda forniture e servizi) al comune, mentre il debito finanziario (cioè, principalmente, obbligazioni) passerà direttamente al ministero dell’Economia. In questo – è la speranza del governo – ci sarà una riduzione degli interessi chiesti delle banche, che si troveranno a trattare con un creditore più solido. Secondo alcune stime fatte circolare dal comune di Roma, il risparmio per la città generato dall’operazione dovrebbe ammontare a circa 90 milioni di euro l’anno.

Non è chiaro come Salvini intenda applicare questo meccanismo ad altre città in dissesto, visto che Roma è l’unica ad avere una gestione commissariale del debito. Questo non è l’unico mistero del salva-Roma: nessuno infatti conosce i dettagli della norma. Il decreto che la contiene, il cosiddetto “decreto crescita”, è stato approvato una prima volta lo scorso 4 aprile e da allora è stato continuamente riscritto, senza mai venire pubblicato in Gazzetta ufficiale. Quelle che sono circolate nelle ultime settimane sono soltanto bozze che il governo continua a cambiare, non riuscendo a trovare un accordo sul testo.

È una vicenda simile a quella del decreto sblocca-cantieri, “approvato” dal Consiglio dei ministri a fine marzo, scomparso per quasi un mese e quindi ri-approvato, questa volta per davvero, la scorsa settimana. Il decreto crescita dovrebbe seguire una strada simile: se sarà presentato avrà probabilmente bisogno di un secondo voto da parte del Consiglio dei ministri.

Tra le altre cose, il decreto crescita conterrà anche la norma che serve a rimborsare le persone coinvolte dai crack bancari, il taglio dell’IRES per le imprese e l’aumento della deducibilità dell’IMU sui capannoni e la norma sui cosiddetti super-ammortamenti al 130 per cento. Infine, il decreto dovrebbe contenere anche una nuova norma per consentire ad Alitalia di operare, probabilmente allungando ulteriormente la scadenza del prestito concesso alla compagnia alla fine del 2017.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.