L’Espresso scrive che Virginia Raggi fece pressioni per far chiudere in passivo il bilancio di Ama

La rivista l‘Espresso ha scritto oggi, nell’anticipazione di un articolo che sarà pubblicato sul numero in edicola il 21 aprile, di aver avuto accesso ad alcune registrazioni e trascrizioni in cui la sindaca di Roma Virginia Raggi chiede a Lorenzo Bagnacani, ex amministratore delegato e presidente di Ama, di portare in rosso il bilancio della società. Bagnacani non è più amministratore delegato di Ama dallo scorso febbraio, quando Raggi revocò l’intero Cda dell’azienda municipale che si occupa della raccolta dei rifiuti. L’articolo dell’Espresso è stato scritto da Emiliano Fittipaldi e le informazioni arrivano da un esposto in procura presentato da Bagnacani. Secondo l’Espresso, Bagnacani sostiene che Raggi «avrebbe esercitato pressioni indebite su di lui e sull’intero cda dell’azienda, finalizzate a determinare la chiusura del bilancio dell’Ama in passivo, mediante lo storno dei crediti per i servizi cimiteriali». Come spiega lo stesso Espresso, «la rilevanza penale della vicenda è ancora tutta da dimostrare».

ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.