• Mondo
  • giovedì 11 aprile 2019

Una donna incinta è stata fatta sbarcare dalla nave “Alan Kurdi” della ong Sea Eye per motivi di salute

Nella notte una donna incinta che da otto giorni si trovava bordo della nave Alan Kurdi della ong tedesca Sea Eye è stata portata a Malta dopo aver avuto una crisi epilettica. Fino a ieri la donna, che è nigeriana e ha 23 anni, si era rifiutata di scendere dalla nave per ricevere cure mediche. Voleva rimanere a bordo per stare insieme al marito, che invece si trova ancora sulla Alan Kurdi insieme agli altri 61 migranti soccorsi in mare il 3 aprile, nelle acque internazionali a nordest di Zuara, in Libia.

La nave Alan Kurdi è arrivata nelle acque di Malta dopo che il 6 aprile l’Italia non le aveva permesso di attraccare a Lampedusa per far sbarcare i migranti. Il governo tedesco ha chiesto alla Commissione Europea di trovare un accordo tra gli stati membri per accogliere i migranti sulla nave.

La nave Alan Kurdi nelle acque libiche, il 3 aprile 2019 (Fabian Heinz/Sea-eye.org via AP)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.